Come curare i geloni nelle mani e nei piedi

I geloni sono delle infiammazioni cutanee, anche molto dolorose, che colpiscono le estremità del nostro corpo, in particolare mani e piedi. I fattori, che maggiormente influiscono sulla loro formazione, sono il freddo e una cattiva circolazione. In commercio esistono molti prodotti per la loro cura, ma è sempre preferibile prevenirli, usando piccole accortezze.
Personalmente, se una persona è soggetta a queste infiammazione, consiglio di coprirsi molto bene durante i mesi più freddi, un abbigliamento adeguato è la prima forma di prevenzione.

  1. Se anche tu hai avuto problemi con i geloni alle mani e ai piedi ti chiederemmo di condividere cosa ti è successo e se sei riuscito a risolvere tramite questo modulo e condividere questo articolo su facebook cliccando questo link così che anche i tuoi amici possano condividere le loro esperienze

Guanti di lana per proteggere le dita, cappellino e sciarpa per le orecchie, ma soprattutto calze e scarpe con un buon rivestimento interno sono molto importanti per proteggersi dal freddo. Le dita dei piedi sono le parti più colpite e difficili da curare, meglio preferire il cotone e la lana a tessuti sintetici e poco traspiranti. Una volta formati i geloni possono dare origine anche a rigonfiamenti e nei casi peggiori a infezioni, per questo bisogna agire in tempo con cure adeguate. Ci sono dubbi sull’uso o meno di farmaci, molto dipende anche dall’esperienza personale e dalla gravità o meno dell’infiammazione.
Tra le cure consigliate alcune sono molto semplici da ripetere a casa, una di queste è la ginnastica vascolare. L’obiettivo di questo procedimento è quello di riattivare la circolazione nella zona infiammata agendo sui vasi sanguigni, a più riprese va immersa la parte interessata in acqua fretta alternata ad acqua calda per circa una ventina di secondi.
E’ molto importante associare anche un buon massaggio, se si decide di utilizzare una crema, con piccoli movimenti circolari dal basso verso l’altro. Si possono utilizzare anche olii naturali, per lenire la parte infiammata, tra gli olii essenziali adatti per un pediluvio ci sono il bergamotto e la lavanda. Un altro rimedio naturale è quello di preparare un balsamo lenitivo con olii e burri vegetali. Da evitare nel modo più categorico di accanirsi sulla parte infiammata, sfregando per cercare di rimuoverla. Oltre che dolorosa questa operazione è anche inutile, perchè sulla parte infiammata si possono generare infezioni e lesioni varie. A livello farmacologico meglio optare per una crema a base di cortisone, alternandola nel caso di infezione, ad una a base di antibiotici.
Nonostante l’elenco di cure proposte, non si può fare molto se non si segue già una dieta equilibrata e si pratica attività sportiva, in modo regolare, evitando il fumo e gli alcolici.
Tutti i rimedi sopra proposti sono consigliati, anche se l’efficacia può variare da soggetto a soggetto. Gli unici svantaggi nel curare i geloni sono il tempo e la costanza da dedicare al problema e i risultati che possono anche arrivare dopo diverso tempo. Il vantaggio, si spera, è quello di risolvere il problema o quanto meno ridurlo e arginarlo.

3 comments

Leave Comment
  1. io sofrivo moltissimo i geloni curati consiste in acqua molto calda con medoti antichi molto sale e tanto bicarbonato di sodio ed immergere le mani seguire il tutto per almeno 3 volte al giorno per 5 giorni

  2. Luca

    Da poco è stato immesso sul mercato un nuovo prodotto di origine vegetale a base di olio di semi di ribes nero ed altri componenti (LENIPER) che da uno studio pubblicato ha mostrato dei risultati eccellenti sulla riduzione della sintomatologia, senza effetti collaterali.

  3. maresa

    Io soffro di geloni ai piedi ed utilizzo una pomata omeopatica a base di grafite…. e devo dire che lenisce molto il dolore e l’infiammazione…..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>