Come gestire lo stress nel rapporto di coppia

La vita quotidiana è sempre più frenetica: il lavoro, la famiglia, la casa, le bollette da pagare, insomma all’interno di una coppia che sia sposata o meno, non mancano sicuramente le motivazioni per rischiare la crisi. Un tempo le coppie rimanevano tali, soprattutto i matrimoni, nel bene e nel male, la vita non era così piena, ma aveva dei ritmi ben scanditi e tranquilli. Oggi all’interno di una coppia bisogna fare i conti con le esigenze di due persone che lavorano entrambi, magari con orari differenti e che in alcune giornate si incontrano appena. Sempre meno tempo da dedicare al rapporto di coppia, rischia di far degenerare il menage a due. Fondamentale per una coppia che vive sotto lo stesso tetto e soprattutto se ci sono dei figli, è riuscire a ritagliare almeno un giorno a settimana, del tempo da dedicare esclusivamente al rapporto a due. L’ideale sarebbe almeno due volte a settimana, nel week end e una sera infrasettimanale. Riuscire a trovare una baby sitter che ci faccia stare tranquilli lontani dai nostri pargoli e trascorrere una serata con il nostro partner o da soli creando una atmosfera rilassante e perchè no, anche romantica, o in compagnia di amici, per scambiare quattro chiacchiere in tranquillità. Ancora meglio se almeno una volt al mese si riuscisse ad allontanarsi dalla routine quotidiana, per un breve soggiorno in una località diversa dalla nostra abitazione. Ci sono però motivi e tempi in cui questo genere di distacchi dalla vita abituale non sono possibili, allora come affrontare lo stress che a volte si presenta in una coppia? Quasi sempre uno dei due partner ha un carattere più docile e l’altro più esuberante o magari irritabile, in questo caso è bene che il partner più tranquillo smorzi le tensioni che si presentano di volta in volta. Dare la carica verbale ad una persona con la tendenza all’irritabilità, non serve a nulla, quindi è preferibile nei casi di discussione che si faccia una pausa, magari facendo una passeggiata o una commissione che distragga entrambi dagli argomenti della discussione. Fondamentale è capire che nessuno dei due partner è più importante dell’altro ed appartiene all’altro, quindi lasciare sempre lo spazio necessario per poter coltivare i propri interessi, come la palestra, la partita con gli amici, la pizza con le colleghe e così via. Rientrando in casa dopo qualche ora passata lontana dal partner, magari in una situazione leggera e rilassante, farà apprezzare sicuramente il ricongiungimento della coppia. Se i due si conoscono da molto tempo, sapranno sicuramente quali sono le cose che irritano l’uno o l’altro e quindi evitarle per non alimentare stress e dissapori, anche se spesso in uno scatto d’ira per stanchezza, si tende a colpire il partner proprio nel punto che riconosciamo debole. Quando lo stress all’interno della coppia comincia a diventare insostenibile, è bene rivolgersi ad un terapista specializzato. Possiamo chiedere consiglio al nostro medico di famiglia sulla persona a cui rivolgerci, o direttamente recarci al consultorio di quartiere, fornito sempre di uno psicologo che offre normalmente le sue prestazioni gratuitamente, anche se i tempi di attesa sono abbastanza lunghi.

stress di coppia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>