Come farsi notare da una ragazza

Le migliaia di parole scritte in merito al rapporto uomo donna tornano sempre attuali, qualora si voglia conquistare il posto giusto nel cuore femminile, soprattutto se la “lei” in questione è quella che ci travolge, lasciandoci per una volta, inermi, di fronte al suo indiscutibile fascino. E può accadere a trent’anni, come a diciotto.

Se vogliamo farci notare da una ragazza, la prima cosa che dobbiamo capire è che una donna non ragiona come un uomo. Si tratta di un pianeta completamente diverso, con infinite sfaccettature che riguardano il modo di pensare, di comportarsi e vivere la vita di ogni giorno. Ci hanno scritto anche un libro, sul fatto che le donne vengono da Venere, ma spesso gli uomini lo dimenticano. E troppo spesso dimenticano che la dicotomia Marte – Venere è proprio quella che fa crescere il rapporto di coppia. Ma come fare per iniziarlo nel modo giusto, questo rapporto?

Molti credono che il sistema migliore per farsi notare, e tenersi stretta una donna sia quella di farla soffrire. Questa scuola di pensiero si oppone all’’altra, che è quella di trattarla come un fiore: indovinare ogni singolo desiderio della propria ragazza, stupendola ogni giorno di più. Praticamente, buttarsi completamente ai suoi piedi.

In realtà non esiste “il” sistema giusto per farsi notare, e sicuramente le ragazze non sono tutte uguali. Nessuno è in possesso del bignami della felicità di coppia, ma molto sta nel rapportarsi alla ragazza che si vuole, nel modo più spontaneo possibile, giusto o sbagliato che sia. La donna, inoltre, anche a quindici anni, di certo non vuole un tappetino.

Se nell’’epoca della rete il romanticismo è diventato anch’esso virtuale, fatto di stelle acquistate che prendono il nome della ragazza e con tanto di certificato di qualità, la prima cosa, per un ragazzo, è che vada al passo coi tempi. Non più biglietti d’amore cartacei, ma elettronici. Si fa colpo con un sms, e con lo stesso ci si lascia. Si è perso un po’ il modo tradizionale di fare poesia, ma la stessa può esser creata anche in un altro modo. Chi dice che il corteggiamento via e-mail sia fuori luogo?
Le ragazze amano esser cercate, comunque lo si faccia, e il testo elettronico vale tanto quanto un cartello stradale imbrattato con la scritta “piccola, ti amo!”.

Se ci rifacciamo a Moccia, vediamo che gli adolescenti anche oggi sono sempre gli stessi, e forse ancora più fragili. Le modalità per esprimersi, invece, sono cambiate, ma questo non è detto che sia un male. Nascondersi dietro un cellulare può aiutare a mitigare la timidezza. Semplicemente si arriva prima a ciò che si vuole, e i messaggi sono più diretti. Ma l’essere sé stessi è ciò che conta più di tutti. Ovviamente la buona educazione è d’obbligo, insieme alla cura di noi stessi e ad un approccio appropriato. E se la ragazza non lo apprezza… beh, basta guardarsi intorno e aspettare che un’altra sia colpita dal nostro modo di essere, semplice e spontaneo, aiutando il destino con un pizzico di galanteria: i fiori, quelli veri, freschi e profumati, sono davvero senza tempo e valgono davvero più di mille parole.

conquistare donna

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>