Come fare una richiesta di risarcimento dopo un incidente

Chi è coinvolto in un incidente stradale e ha riportato dei danni o ha perduto un congiunto, dovrebbe sempre rivolgersi ad un legale esperto in materia penale e in infortunistica stradale.
Il legale raccoglie tutti gli elementi di prova della responsabilità e quelli relativi ai danni, effettua le opportune contestazioni a terzi, tratta con le loro Compagnie assicuratrici, segue tutto il procedimento penale e si occupa della richiesta di risarcimento.
E’ bene sapere che l’assicurato può ricevere l’indennizzo del danno subito, entro 1 anno dal momento in cui è accaduto il sinistro, in seguito, nel caso in cui il danneggiato non dovesse agire, il diritto si prescrive.
Nella maggior parte dei contratti di Responsabilità Civile Auto è prevista l’assistenza legale, ciò non esclude che l’assicurato possa rivolgersi ad un avvocato di fiducia e seguire la via ordinaria.

Se il danneggiato è assisitito da un legale, non dovrà preoccuparsi di inoltrare nessuna richiesta di risarcimento, ma nel caso in cui non volesse seguire questa strada, dovrà inviare una lettera raccomandata con avviso di ricevimento ai responsabili e alle Compagnie assicuratrici.

La lettera deve essere indirizzata alla Direzione generale e all’ispettorato sinistri della Compagnia.

Che cosa deve contenere la richiesta di risarcimento:

* I dati del richiedente ( nome, cognome e codice fiscale);
* La tipologia di veicolo, modello e targa;
* La dichiarazione di messa in mora della società per i danni patrimoniali subiti a seguito del sinistro.
* La data in cui si è verificato il sinistro, il nome del conducente, i dati dell’autovettura e la polizza se conosciuta.

* Alla richiesta bisogna allegare il modulo Cai, la specifica dei danni subiti e delle eventuali lesioni.

E’ da precisare che nel caso in cui vi siano danni materiali lievi, la procedura di richiesta di risarcimento deve essere inoltrata alla propria Compagnia assicuratrice che provvederà poi a rivalersi sulla controparte.

Tuttavia niente impedisce che il danneggiato possa seguire la via ordinaria soprattutto quando la richiesta non verte solo sul danno patrimoniale, ma anche sul danno biologico, morale ed esistenziale.

Nel caso in cui una persona coinvolta in un incidente dovesse perire, i familiari possono richiedere il danno biologico causato a loro personalmente dalla sua perdita.
Si tratta di una richiesta che non può essere inoltrata semplicemente con una lettera raccomandata, ma dovranno essere prodotte delle prove e delle perizie medico-legali che verrano poi valutate in sede processuale.

Dal quadro evidenziato si può constatare che la richiesta di risarcimento assume contorni complessi quando i danni non riguardano solo il danno patrimoniale, in tal caso l’assistenza di un legale è necessaria, in quanto se il risarcimento non verrà pagato transattivamente ossia con un accordo, l’unica strada percorribile è quella del processo civile.
Non è detto quindi che una richiesta venga accolta, anzi può accadere che le trattative falliscano anche perchè spesso le Compagnie assicuratrici tendono a dilazionare i tempi di pagamento con il solo obiettivo di far desistere il danneggiato dalle sue richieste.

Prezzo: L’onorario dell’avvocato dipende da una serie di variabili tra cui la durata della causa e non si può determinare con certezza, comunque le spese legali sono sempre a carico della parte soccombente.

Svantaggi:Descritti
Vantaggi: Descritti

assicurazione auto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>