Come fare una maschera da Arlecchino

Quest’anno di maschere di Arlecchino ne abbiamo realizzate diverse in casa assieme ai miei bambini. Oltre che per l’abito di carnevale del mio bambino più piccolo ne abbiamo realizzate altre per decorare casa visto che abbiamo scelto un decoro monotematico legato, appunto, alla figura di Arlecchino. Per l’abito del mio bimbo ho usato stoffa specifica per un vestito da Arlecchino da cui ho ricavato una tuta chiusa sul retro con una zip e decorata sul davanti con un colletto bianco ed una cinta nera in vita. Per la maschera che poi ha indossato in abbinamento all’abito ho usato una maschera nera semplice di quelle che si trovano già pronte con l’elastico laterale e ci ho applicato sopra un pezzetto di stoffa di avanzo del vestito. L’ho incollata per bene e tagliato via i bordi oltre che i buchi per gli occhi. Ho poi applicato sui bordi un’applicazione presa in un negozio di hobbistica: una specie di bordino color oro che ho semplicemente applicato con la colla. Ottimo risultato spendendo più o meno 5 euro considerando la mascherina di base, l’applicazione e la stoffa. Per decorare casa, invece, abbiamo usato del cartoncino bianci piuttosto spesso: vi abbiamo ricavato diverse sagome di maschere per poi decorarle con diverse tecniche. Dopo aver disegnato le varie sezioni che caratterizzano l’abito di arlecchino, ne abbiamo decorata una con i classici pennarelli ripassando poi i contorni con un pennarello nero dalla punta più larga e dal tratto più marcato. Un’altra l’abbiamo dipinta con le tempere usando sempre un pennarello per esaltare i contorni. Ne abbiamo realizzata un’altra con la tecnica del collage tagliando tutti pezzettini da fogli colorati per poi applicarli sulla sagoma della mascherina con la colla. Quest’ultima è risultata la più particolare ed anche la più originale. In un altro caso abbiamo sfruttato dei ritagli di pannolenci di diverso colore che avevo conservato dopo aver fatto altri lavori manuali ed abbiamo ritagliato tutti pezzetti poi applicati sempre con la colla: in questo caso il risultato è stato quello di una maschera tridimensionale visto che lo spessore del pannolenci è diverso da quello della carta o del semplice cartoncino. Una maschera da arlecchino più femminile l’abbiamo realizzata in abbinamento ad un abitino preparato per mia nipote: un paio di calze nere, una magliettina nera, una gonnellina con stoffa multicolore realizzata cucendo dei ritagli di stoffa che poi abbiamo usato anche per realizzare un gilet ed una bandana da mettere in testa. Vestitino molto particolare e più vicino allo spirito del vero Arlecchino, un risultato un po’ artigianale ma sicuramente una maschera graziosa e diversa da tutte le altre. In questo caso la maschera da mettere in viso non è stata realizzata con stoffa o con pennarelli ma la bambina ha preferito una mascherina nera e devo dire che ci stava davvero bene. Abbiamo solo applicato delle paillettes colorate sui bordi visto che alcuni ritagli usati per l’abito avevano dei decori con paillettes. Un bel divertimento anche la preparazione per un costo accessibile.

arlecchino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>