Come fare la birra a casa

Vi dice niente la parola homebrewing? No? Beh neanche io la conoscevo fino a poco tempo fa, quando poi ho scoperto che si trattava del nome dato all’hobby di fare la birra in casa. Sicuramente un hobby curioso! Realizzare una birra in casa può essere una cosa molto divertente, ma occorrono pazienza, tempo e soprattutto igiene! Se siete alle prime armi e volete cominciare ad intraprendere questo simpatico passatempo, non vi resta che armarvi con gli attrezzi del mestiere. Il mio consiglio è quello di iniziare acquistando un kit già pronto per la preparazione della birra in casa, così da non scervellarvi nel trovare tutte le componenti necessarie e poter iniziare subito. Naturalmente il kit è di tipo base, quindi bidoni rigorosamente di plastica e non di metallo, ma per quelli avrete tempo se la cosa vi avrà appassionato e sarete disposti a spendere cifre più alte. Un kit base costa sui 59 euro (a partire da) e potrete trovarlo tranquillamente sui siti on line.
Il vostro kit dovrà comprendere:
1. fermentatore
2. tappatrice e tappi
3. densimetro
4. dosatore zucchero
5. confezione di malto
6. prodotti detergenti
7. guida alla fermentazione casalinga

Nel caso in cui il kit da voi acquistato manchi di uno di questi elementi, potrete integrarlo voi stessi comprando quanto occorre. Vi spiegherò ora in dettaglio gli elementi del kit:

1. Il fermentatore dovrà essere di 25 litri, di plastica ed avere un rubinetto (o un alloggiatore per rubinetti) nella parte inferiore, per permettere un travaso più comodo in un passo fondamentale come questo, quando al birra, al contatto con l’aria, potrebbe ossidarsi.
2. La tappatrice sarà di sicuro il pezzo che più vi farà arrabbiare perchè impossibile da addomesticare, soprattutto le prime volte. Se potete sceglietene una a colonna che vi faciliterà di gran lunga l’utilizzo.
I tappi sono fondamentali: se non è della misura corretta, si rischia di rovinare un prodotto buono e mandare all’aria tutto il lavoro: quindi informatevi prima sul diametro della bocca della vostra bottiglia! Comunque di solito i diametri più comuni sono da 27 mm per la birra da 33 cl, e 29 mm per quella da 66 cl.
3. Il densimetro è utilissimo per verificare le condizioni della birra, anche se più utile sarebbe l’utilizzo di un rifrattometro che, utilizzando il principio di rifrazione della luce, indica la densità del nostro prodotto.
4. Il dosatore di zucchero è per molti versi uno strumento controverso: alcuni autori ne sconsigliano l’uso, mentre altri ne tessono lodi…a voi la scelta!
5. Di solito la confezione di malto data in dotazione non è fra le migliori, quindi se volete un prodotto migliore dovete cercare in giro, altrimenti, se siete all’inizio, potete anche sperimentare prima con questo.
6. I prodotti detergenti sono invece fondamentali per la pulizia e l’igiene degli utensili, ma bisogna maneggiarli con cura poichè corrosivi!
7. Se la vostra guida non vi soddisfa, potrete cercare in internet e informarvi leggendo i numerosi siti dedicati all’homebrewing.
Fare la birra in casa può anche essere pericoloso: attenetevi scrupolosamente alle istruzioni!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>