Come fare il presepe

Come ogni anno, il Natale è alle porte e con esso tutte le tradizioni che questa festività tanto attesa porta con se. Oltre all’Albero di Natale, appartenente ad una tradizione più pagana, soprattutto in Italia c’è la consuetudine di riprodurre la scena della natività nel Presepio. La realizzazione del presepio, per molti, è una vera e propria arte che necessita di tante ore di lavoro. Ogni anno si assiste poi a diverse tendenze anche in quest’ambito. Basti pensare ai pastori di San Gregorio Armeno, famoso quartiere di Napoli, dove ogni anno vengono proposte le statuine di tutti i personaggi più noti del momento.
Basta un pò di creatività e di inventiva. Per realizzare un buon presepio vi servirà un pò di spazio, meglio se in una zona della casa particolarmente visibile ai vostri ospiti ed amici. Una buona idea sarebbe quella di procurarsi qualche grande scatolone ed adagiarci sopra una tavola di compensato che fungerà da base per la vostra realizzazione. Con dei pezzi di sughero di varie dimensioni e qualche chiodo potrete iniziare a realizzare le montagne e il paesaggio. Sotto una delle montagne lasciate uno spazio vuoto che sarà destinato alla vostra capanna per la natività. Con dei pezzi di cartone o delle scatoline di fiammiferi realizzerete le casette, meglio se dipinte. Ogni casetta può essere posizionata a piacimento, creando un paesino. Una volta incollate le casette sarà la volta di posizionare la cascata. Presso i negozi specializzati in questo periodo dell’anno sono in vendita delle vaschette con il meccanismo adatto per ricreare l’effetto di una cascata. Se preferite, esistono anche i laghetti, oppure gli abbeveratoi. Ricordate di posizionare la cascata in una maniera tale da lasciare un pò di spazio dietro per il meccanismo. L’acqua andrà aggiunta alla fine. Se non volete un presepio complesso potrete utilizzare la carta stagnola per ricreare un fiumiciattolo. All’interno dell’osteria o della capanna potrete inserire uno specchio per creare profondità e far risaltare le luci. Sarà la volta di inserire l’impianto di illuminazione. Meglio se costitiuto di luci che somiglino al lume di una candela. Ogni lucetta va inserita nelle casette e nella capanna. Cospargete la tavola di compensato con della colla sopra la quale applicherete del muschio naturale oppure artificiale, accompagnato da ciottolini disposti in modo tale da creare un sentiero. Una volta asciutto sarà la volta dei pastori. Più piccoli in lontananza più grandi in vicinanza. Se non avete tutto lo spazio necessario ne il tempo per realizzare un presepio così strutturato potrete utilizzare le barre di sughero e il cartone per realizzare la capanna. In realtà, è questo il fulcro del presepio. Ricordate di mettere da parte il bambinello per il 24 notte e i re Magi per il sei gennaio.

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come costruire da soli un vero presepe napoletano. Tecniche e consigli | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>