Come fare il formaggio in casa

Il formaggio è un alimento sano, ricco di calcio, ma anche di vitamine del gruppo B, fosforo e proteine.
Cosa da non sottovalutare, è soprattutto buono!
Di lati positivi ne ha molti, a cercarne uno negativo salta subito in evidenza il fatto che il prezzo d’acquisto non è proprio economico. Purtroppo, ha un costo mediamente alto e mangiare spesso formaggio, contribuisce ad alleggerire parecchio il portafoglio.
L’ideale sarebbe fare il formaggio in casa!
Si può davvero provare a prepararlo, occorrono solo semplici ingredienti, alcuni attrezzi facili da reperire, pazienza e buona volontà.
Ecco una ricetta da realizzare subito.

– Formaggio vaccino fresco
Ingredienti:
5 litri e mezzo di latte fresco intero pastorizzato
180 gr di sale non iodato
Due vasetti di yogurt intero da 125 gr del tipo bianco naturale
Caglio (si acquista in farmacia, ne esistono di vari tipi, possibilmente scegliere il formato liquido e per le dosi attenersi alle indicazioni riportate sulla confezione).

Prima di mettersi all’opera, bisogna procurarsi un termometro per alimenti; un colino a trama sottile; una capiente fuscella o un contenitore bucherellato, possono andar bene anche quelli con cui vengono venduti ricotta e alcuni formaggi freschi; una griglia per torte, del tipo con piedini. Altro occorrente è facilmente reperibile in casa.

Esecuzione:
La prima operazione da fare è versare il latte in una pentola di media dimensione e incorporare tutto lo yogurt, mescolando per far amalgamare bene i due ingredienti.

Lasciare riposare per un paio d’ore, dopodiché portare la pentola sul fornello e scaldare a fuoco dolce fino a quando il composto non raggiunge una temperatura ottimale di circa 38°.
Questo è un passo molto delicato, per essere sicuri che il latte sia caldo al punto giusto, è necessaria una preventiva e costante misurazione con il termometro.

Togliere il contenitore dal fuoco e unire il caglio, mescolando bene.

Posizionare il coperchio sulla pentola, avvolgerla con una tovaglia pesante e sistemare in luogo fresco per 50 minuti. Durante questo periodo di tempo il latte si rapprende, formando quello che in gergo si chiama “cagliata”.

Dopo non resta che aprire la pentola e con la lama di un grosso coltello tagliare più volte orizzontalmente e verticalmente, il denso contenuto.
Quest’operazione serve anche a far separare il siero dalla cagliata.

A questo punto con una schiumarola prelevare i pezzi di cagliata e metterli dentro uno scolapasta ricoperto da un telo sottile, fare scolare e avvolgere strettamente con il telo per eliminare più liquido possibile.

Posizionare la griglia sopra un contenitore e sistemarvi sopra la fuscella.
Riempire con il formaggio, avendo cura di pressarlo bene, per farlo al meglio può essere provvidenziale il fondo di una bottiglia.

Fare scolare per mezzora e poi togliere la fuscella.

Immergere la forma di formaggio, per un’ora, in una soluzione di acqua tiepida e sale.

Dopodiché basterà scolare il formaggio e metterlo a riposare sulla griglia per mezz’ora.

E’ un formaggio fresco “primosale”, si può anche portare subito in tavola!

* Dubbi al riguardo
Se non si seguono i passi giusti si ottiene un prodotto di scarso valore.

* Lo consiglieresti ad un amico
Lo consiglierei sicuramente.

* Svantaggi
La realizzazione è laboriosa.

* Vantaggi
Un formaggio sano, fresco e soprattutto economico.

formaggio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>