Come fare il detersivo in casa

Oggi sugli scaffali dei supermercati si trova praticamente di tutto, per ogni problema è pronta la soluzione.
Ma molti detersivi anche se qualitativamente buoni, hanno sempre dei residui chimici che non devono far preoccupare ma che allo stesso tempo non si può dire che sono salutari e privi di rischi.
Spesso è meglio scegliere un prodotto che sia il più naturale possibile, possibilmente come quelli che facevano le nostre nonne.
Ci sono diversi modi per fare il sapone in casa, uno di questi è un metodo molto vecchio ma ancora in uso in meridione.
Questo sapone che sto per consigliarvi è ottimo per lavare i vestiti tranne quelli delicati.
Per prima cosa bisogna comprare un litro di mistura liquida che troverete in dei negozi specializzati.
Poi prendete dell’olio vecchio o del grasso di maiale, scegliete voi, in meridione si usano entrambi anche se la preferenza è per il grasso di maiale.
Questo grasso deve essere purificato dai residui e si può reperire tramite appositi contadini della zona.
In mancanza del grasso si può usare dell’olio extra vergine d’oliva vecchio, nel senso un olio di 2 o più anni.
Il procedimento è semplice, una volta il tutto andava sul fuoco e si girava per ore e infatti il sapone veniva fatto a dicembre quando cera il grasso disponibile poiché si macellava i maiali.
Logicamente per la mole di lavoro questo procedimento lo si fa una volta l’anno a dicembre così da fare scorta di sapone per il resto dell’anno solare.
Tutto il preparato va messo dentro una grande bacinella e va girato costantemente con un mestolo di legno per circa 60 minuti o 90 minuti.
Non bisogna fermarsi e bisogna continuare a girare interrottamente fino che il tutto non si solidifica diventando un pezzo unico.
Una volta divento duro tutto il preparato bisogna far riposare il tutto per 24 ore, dopo il gioco è fatto.
Una volta indurito e riposato si taglia e si da la forma rettangolare così da fare diversi panetti da tenere per tutto l’anno.
Questo sapone è fatto per essere usato come sapone per lavare i panni a mano come si faceva una volta.
Mia nonna lo faceva sempre e ancora oggi lo fa assieme a mia madre che vivono in meridione.
Per loro è un procedimento normale e non usano saponi comprati nei supermercati, tranne eccezione per alcuni di essi come quelli per la pulizia quotidiana del corpo.
Io ho sempre avuto dei dubbi su questo procedimento per lavare i panni e sulla sua reale efficacia.
Altro dubbio è quello se realmente lo si può definire un sapone naturale visto la presenza della mistura liquida che si mette dentro durante la preparazione.
Ebbene posso dirvi che ho lavato dei vestiti con questo sapone, non io in prima persona ma mia madre, e sono venuti puliti e profumati.
Non ci credevo, ho riguardato centimetro per centimetro il jeans lavato per vedere se era rovinato e invece era tutto a posto.
Il mio cane l’ha mangiarlo e mia madre deve nascondere il sapone poiché lui lo mangia, non è la prima volta.
Il prezzo consiste negli ingredienti e nella sua reperibilità.
Vantaggi: lava bene, efficace, profumato.
Svantaggi: la reperibilità degli ingredienti.

dete

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>