Come fare un buon ciambellone

Di ricette con il ciambellone ne esistono tante, con numerose varianti.
Quella che propongo è una ricetta classica imparata da mia nonna anni fa, e in cui di recente ho modificato alcuni ingredienti per rendere il ciambellone ancora più soffice.

Occorrente:
4 uova intere
150 grammi di farina
150 grammi di amido di mais
200 grammi di fruttosio o 250 grammi di zucchero di canna
Un grosso limone
Una bustina di lievito vanigliato
Un bicchiere e mezzo di latte
Una tazzina di olio extra vergine di oliva
Due pizzichi di sale

Procedimento:
Dovete separare i tuorli dagli albumi, tenendo questi ultimi da parte in una ciotola dove andrete poi a montarli con una frusta o in alternativa con due forchette, aggiungendovi solo un pizzichino di sale ed il succo di mezzo limone.
In una grossa ciotola grossa dovete battere i tuorli con lo zucchero fino a farli diventare spumosi. La scelta dello zucchero dipende da quello che preferite. La differenza tra i vari zuccheri è questa: lo zucchero bianco è molto raffinato e, come quello di canna tende a cristallizzare in cottura. Il fruttosio dolcifica molto più degli altri, è naturale e rende l’impasto delicato. Noterete la differenza anche in una crostata.
Aggiungete un pizzico di sale e la buccia grattugiata di un limone (possibilmente non trattato).
Mettete adesso la farina, delicatamente. Mia nonna diceva di versarla “a pioggia” per evitare che si formassero dei grumi. Io vi consiglio un colino, con il quale far cadere la farina e poi l’amido di mais. Se non avete l’amido di mais potete sostituirlo con la frumina o in alternativa con la fecola di patate. Tutti rendono la ciambella più soffice.
L’impasto avrà preso una certa consistenza. Versate allora il latte e infine la tazzina d’olio.
L’olio profuma delicatamente il ciambellone e lo rende più leggero rispetto al burro.

Cottura:
Accendete il forno ad una temperatura di circa 200 gradi. Procuratevi poi uno stampo col buco al centro che avrete unto di olio e sul quale avrete fatto cadere della farina, battendolo poi con le mani per spolverizzarlo tutto.

Nell’altra ciotola potete adesso battere gli albumi, cercando di montarli a neve ben ferma. La prova che si fa per verificarlo è quella di versarne un cucchiaio in un piatto. L’impasto cade sul piatto restando ben fermo.
Adesso potete mischiare il tutto.
Versate la neve degli albumi nella ciotola aiutandovi con una spatola di legno.
Questa procedura deve essere effettuata in maniera molto delicata e solo in un senso, altrimenti gli albumi si smontano. Procedete con la spatola girando il composto dal basso verso l’alto, fino a quando il tutto si sarà amalgamato.
Solo allora, sempre molto delicatamente, potrete aggiungere una bustina di lievito vanigliato, usando di nuovo il colino e facendolo cadere a pioggia. Mischiate ancora una volta nello stesso verso.
Versate l’impasto nello stampo, che va inserito nel forno già caldo, sul ripiano centrale. Abbassate la temperatura di circa 10 gradi.
Il ciambellone va cotto per 45 minuti, ma nei primi 20 dovete evitare di aprire il forno, altrimenti l’impasto si sgonfia.

fare-buon-ciambellone

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>