Facebook: una guida alle famiglie per un uso sicuro

Facebook è diventato un fenomeno di massa non indifferente. Tutti sono sul social blu e sempre più spesso anche i nostri ragazzi vogliono iscriversi. Eppure spesso abbiamo timore del mondo di internet e di chi potrebbero incontrare i nostri figli. Cosa fare allora per stare tranquilli?

L’importanza del rapporto con i figli

Evidentemente la base del rapporto tra genitori e figli è vitale. Non importa che sia Facebook, Twitter o un altro sito, posto, ambiente: se i nostri figli hanno capito ed interiorizzato gli insegnamenti che gli abbiamo dato, li seguiranno ovunque. Per questo al momento in cui i nostri figli decidono di iscriversi a Facebook, fare i padri padrone non avrà senso.
In ogni caso potranno collegarsi a casa di amici, presso un qualunque internet point, sullo smartphone o quando non siete in casa. Insomma, non ha senso vietarglielo. Meglio far comprendere loro regole chiare di comportamento che non vanno mai messe in discussione.

 

Come rendere Facebook sicuro per i vostri ragazzi

Le regole principali che potreste dare ai vostri figli riguarda le cose che decidono di condividere su Facebook. Evitate che mettano i loro numeri di cellulare e telefono, la data di nascita con l’anno e soprattutto che condividano molte loro foto rendendole pubbliche a tutti. Dite loro che non devono accettare persone che non conoscono bene e naturalmente che dovranno accettarvi come amici ( voi garantirete di essere discreti e di non metterli in imbarazzo ).
Se i vostri ragazzi non sono troppo grandi e bravi con il Pc, impostate insieme la privacy dei contenuti del profilo. Andate sulla barra blu in altro e cliccate su account e dal menù a tendina che si apre, cliccate impostazioni privacy. Lì potete trovare un elenco di impostazioni da personalizzare che rendono impossibile a chi i vostri figli non conoscono di interagire con loro. Ma la cosa più importante è che parlate con loo, anche magari scherzando: chiedendo  se hanno partecipato a qualcuno dei giochi di Facebook, dato che anche voi eravate interessati a prenderne parte, se hanno visto foto buffe… e cose così insomma. Fate in modo che i vostri figli abbiano voglia di parlare con voi di Facebook senza sentirsi sotto esame. Non siate troppo insistenti e imparate a controllarli anche in silenzio, sbirciando il loro profilo.

Ovviamente, una volta maggiorenni, non potrete imporre loro troppe regole. Ma se avrete fatto un buon lavoro vedrete che le rispetteranno. I figli capiscono col tempo che le regole dei genitori non sono solamente qualcosa di negativo o pretestuoso, ma che nasce da un’esigenza di proteggerli e soprattutto é sempre a fin di bene.
Restate accanto ai vostri figli: siate a metà strada tra un amico e la classica figura di un genitore. Non imponetevi con autorità superflua e soprattutto, instaurate un dialogo. Insegnate ai vostri figli a confrontarsi e siate anche voi aperti: se vostro figlio si mostra intelligente e molto capace nel ragionare e vi sorprende con qualche ragionamento, premiatelo.
Stimolare i propri figli è importante, mentre tappare le loro ali, anche se per proteggerli, li rende solo insicuri e repressi: facili preda di adescatori virtuali. Se c’è una cosa su cui però non dovrete transigere riguarda l’incontrare gente conosciuta su Facebook: fate in modo che si assicurino veramente dell’identità di chi vogliono conoscere dal vivo.

facebook-privacy

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>