Come evitare la noia durante le vacanze estive

La stagione estiva è ormai alle porte, le giornate si allungano ed il sole splende pressoché tutti i giorni. Per la maggior parte delle persone l’estate è sinonimo di vacanze, di relax e di riposo dall’attività lavorativa che occupa gran parte del tempo nel resto dell’anno. Ci sono però anche alcune persone per le quali l’estate è sinonimo di tristezza e solitudine in quanto per lavoro o per necessità devono rimanere nelle città rese pressoché vuote dall’esodo massiccio dei vacanzieri verso le località di villeggiatura. D’altra parte stiamo attraversando un periodo storico nel quale, grazie soprattutto alle scoperte in campo medico e scientifico, la qualità della vita è parecchio migliorata e con essa anche l’aspettativa di vita per uomini e donne. Logica conseguenza di tutto ciò è il netto aumento della presenza di popolazione anziana nella nostra società. Sono quindi proprio gli anziani che sempre di più rappresentano l’anello debole dello stato sociale ed anche coloro che maggiormente soffrono l’abbandono e la noia durante i mesi estivi in quanto le misere pensioni percepite non consentono loro di permettersi una vacanza oppure perché proprio non hanno la possibilità di muoversi verso le località balneari o perché questi stessi luoghi non presentano strutture ricettive adatte ad un pubblico di una certa età.
Come fare quindi a superare questo periodo difficile, nel quale ci si sente soli ed abbandonati, senza avere grosse conseguenze a livello psicologico?
La risposta al quesito non è così semplice, e non si può applicare una strategia a tutte le tipologie di persone poiché ovviamente occorre tener conto dei gusti e delle preferenze personali dei soggetti ai quali il consiglio è diretto. Si può comunque provare a suggerire alcune idee che possono essere applicabili un po’ a tutti.
Innanzitutto ci si può informare su Internet e/o presso le segreterie dei vari Comuni o Circoscrizioni riguardo gli eventi ed i luoghi di aggregazione della propria città, in modo tale da potersi dedicare alla scoperta della propria città in un contesto diverso e lontano dalla realtà di tutti i giorni, magari fatta di traffico e smog, di caos e di alienazione.
Oltre a questo aspetto, nei luoghi di aggregazione è anche possibile condividere con altre persone alcuni bei momenti e magari costruire anche delle amicizie preziose anche in tarda età.
Un’altra cosa che è possibile fare per evitare la noia è dedicarsi a delle attività particolari, a degli hobbies, che possano tenere occupata la mente e magari restituire la gioia e la felicità verso le piccole cose.
Tra gli hobbies più gettonati, oltre a quello dell’enigmistica che può aiutare soprattutto le persone più anziane a tenere la mente “giovane”, possono esserci i giochi di carte, il domino e gli scacchi per gli uomini, o altre attività per le donne, quali l’uncinetto, il ricamo o il punto croce, attività rilassanti che permettono di costruire veri e propri capolavori per i propri cari e di fantasticare con la mente pensando alla propria gioventù o al proprio futuro, con la speranza di poter fare finalmente una vacanza nell’estate successiva.

vincere la noia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>