Come evitare investimenti immobiliari sbagliati

Il mercato immobiliare è stato croce e delizia degli investitori negli ultimi dieci anni. Nel biennio 2001-2002 gli investitori in tutto il mondo uscirono dalla sbornia della New Economy, a volte con discreti guadagni, molto più spesso con le ossa rotte e la volontà di stili di investimento meno remunerativi anche se più rischiosi. Fu naturale per tutti o quasi puntare all’intramontabile mattone.
Seguirono anni di crescita tumultuosa del mercato immobiliare praticamente su tutto il pianeta: la crescita fu per lunghi periodi del 5-10% all’anno, con punte locali ancora più elevate. Una bolla che si gonfiò anche per la facilità con cui gli istituti di credito concedevano il credito e per la volontà delle famiglie di possedere la casa dove abitavano.
Ma tutti i giochi finiscono: dal 2008 l’eccessiva facilità con cui negli Stati Uniti erano stati concessi i mutui portò allo scoppio di una crisi che fu prima creditizia e poi immobiliare ed economica.
Al mercato immobiliare si può guardare oggi come a un panorama di macerie: in Italia e nel mondo i prezzi sono stabili o calanti, le nuove costruzioni quasi ferme, le compravendite asfittiche. Ma nondimeno abitare è ancora un’esigenza primaria e milioni di nuclei familiari continuano a desiderare l’acquisto della loro abitazione.
Come muoversi quindi se si desidera acquistare un immobile? Innanzitutto si deve avere ben chiaro se l’obiettivo è l’investimento (e quindi l’accrescimento del valore dell’immobile) oppure è l’utilizzo del bene, per esempio come prima casa. E’ infatti chiaro che nel secondo caso oltre al movente economico devono pesare fattori personali quali la vicinanza al posto di lavoro e ai propri interessi, la comodità dei servizi, la sicurezza della casa. Nel primo caso il ritorno economico è ovviamente la misura principale.
Deve poi essere ben chiaro nella mente dell’acquirente l’orizzonte temporale dell’investimento: dando per escluso che si voglia rivendere a brevissimo (tali speculazioni sono ormai perdenti in un mercato stagnate come l’attuale) occorre tenere presente che si immobilizzerà una cospicua somma di denaro per un tempo medio-lungo. Andrà quindi valutata con attenzione la sostenibilità della spesa e, eventualmente, della rata del mutuo.
Riguardo all’immobile in se il primo consiglio è di visionare quante più possibile offerte: non innamoratevi della prima casa che vedete ma prendete nota e confrontate. Quando la scelta comincia a delinearsi informatevi anche sugli sviluppi immobiliari della zona presso l’ufficio tecnico del comune di competenza. I piani regolatori sono disponibili al pubblico e permettono di scoprire, ad esempio, che vicino a quella splendida lottizzazione nel verde sta per essere realizzato uno svincolo autostradale.
Valutate lo stato degli impianti, informandovi anche sulle normative che li regolano (potreste trovarvi dopo l’acquisto a dover provvedere a rifacimenti molto onerosi). Cercate anche di capire lo stato di conservazione dell’immobile: macchie di umido nei muri o cedimenti nella murature potrebbero segnalarvi dei problemi gravi. Anche se è vero che la legge tutela il compratore dai vizi nascosti è bene che questo tipo di problemi quanto possibile sia evitato fin dall’inizio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>