Come essiccare i funghi

* Dettagli del prodotto
Chi ama i funghi sa quanto rendano insuperabile ogni ricetta, con un po’ di fantasia si possono realizzare tanti piatti.
Non sempre però si ha a disposizione la materia prima, ecco allora che si rivela provvidenziale avere in dispensa una bella scorta di funghi secchi!
Il lato negativo è che sono abbastanza costosi, tra l’altro venduti in confezioni minime, non è molto allettante l’idea di acquistarli.
Che fare? Una soluzione c’è, imparare a essiccare i funghi!

La cosa si rivela una genialità nelle occasioni in cui si ha una bella scorta di funghi freschi, retaggio di una escursione montana da raccoglitori, oppure regalati da qualcuno. In entrambi i casi, sarebbe impossibile consumarli tutti prima che vadano incontro a inevitabile degrado. Ecco allora che farli essiccare è la mossa giusta che permetterà di assaporarli in momenti futuri.

I funghi adatti sono le varietà Boletus, Corno dell’abbondanza, Porcini e anche altri, l’importante è che siano freschi e sodi.
Bisogna pulirli correttamente, facendo attenzione a non romperli.
Vanno poi tagliati a fette sottili, partendo dal gambo fino ad arrivare al cappello.
La stessa operazione va fatta per tutti i funghi, adagiandoli man mano in uno scolapasta.
Alla fine, mettere ogni fettina su una superficie piana, va bene una tavola di legno pulita, facilmente trasportabile.
E’ importante allineare i funghi senza sovrapporli, al contrario il risultato non sarebbe ottimale.
Spostare la tavola al sole, avendo cura di rigirare ogni tanto le fettine di funghi, affinché possano asciugarsi al meglio.
I funghi vanno esposti al sole fino a quando rigirandoli non si vede più traccia di umidità.
Di solito occorrono due o tre giorni di esposizione, ma nelle ore notturne la tavola va riportata in casa, per evitare che l’umidità vanifichi l’essiccazione.

Può capitare che non sia possibile attuare questo procedimento, in questi casi bisogna sostituire al sole una fonte essiccante alternativa, il forno.
Le fettine di funghi vanno disposte come scritto sopra, ma allineate sulla placca del forno coperta con un foglio di carta forno.
Vanno lasciate asciugare a una temperatura di 130 gradi, fino a quando non sono secche al punto giusto.
Alla fine, senza tirare fuori i funghi, socchiudere la porta del forno ormai spento e aspettare che fuoriesca tutta l’umidità.

In entrambi i casi, quando i funghi sono pronti, è giunto il momento di riporli in bustine di plastica. E’ importante far uscire tutta l’aria presente nel sacchetto, dopodiché basta chiudere bene.

Al momento di consumarli basterà tenerli in ammollo in acqua per qualche minuto.

* Prezzo
Essiccare funghi è conveniente, la spesa è minima in confronto al prezzo di vendita nei supermercati.

* Svantaggi
Bisogna stare attenti a non superare il livello ottimale d’essiccazione, pena il ritrovarsi con funghi molli o troppo secchi.

* Vantaggi
Preparare un prodotto genuino, ritrovare il sapore dei funghi appena raccolti anche dopo parecchio tempo.

raccolta funghi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>