Come eliminare le cimici verdi con prodotti naturali?

Una strategia preventiva per evitare la proliferazione delle cimici verdi è quella di favorire la biodiversità dell'orto. Il principio generale è che più vi è la presenza di piante di ortaggi di diverso tipo minori sono le condizioni di sviluppo di un singolo parassita. Se infatti nell'orto ci fossero solo fagiolini e pomodori, le cimici verdi avrebbero a disposizione tutto l'habitat disponibile alle loro esigenze e prolificherebbero indisturbate. A prescindere dall'uso di sostanze naturali o chimiche, la disinfestazione richiederebbe abbondanti quantità di queste sostanze ed un gran dispendio di lavoro che può essere evitato.

Infatti, la differenziazione produttiva dell'orto consente la diffusione di insetti predatori non nocivi per le piante ed utili a mantenere la popolazione delle cimici nei limiti della sostenibilità del raccolto, garantendone la qualità.

Un ulteriore accorgimento è quello di non concentrare le coltivazioni come i pomodori, peperoni o le leguminose ma separarle con altro tipo di ortaggi immuni o siepi che spezzino la continuità dell'habitat. Le stesse aiuole dei singoli ortaggi sensibili andrebbero intermezzate con piante che abbiano ruolo di repellente o disorientamento come le aromatiche (ad es. basilico). Allo stesso modo è possibile intermezzare le coltivazioni con alcune piante di cui le cimici vadano ghiotte, come il mais, in modo da distoglierle dagli ortaggi.

Se non si sono attuati questi accorgimenti preventivi, non è stato possibile farlo o comunque non hanno avuto successo, esistono dei composti e prodotti naturali che si possono utilizzare per abbattere la presenza delle cimici verdi.
Uno di questi repellenti naturali è il composto a base di tabacco, al quale le cimici sono sensibili. Il procedimento è semplice: per prima cosa occorre sbriciolare 1 grammi di tabacco in un recipiente; successivamente far bollire 1 litro di acqua che poi andrà versato nel tegame con il tabacco. Quando il liquido si sarà raffreddato possiamo aggiungere alcune gocce di sapone liquido biologico, così da aumentare il fattore di aderenza del liquido. A questo punto si può spruzzare la sostanza nelle piante infestate con l'aiuto del classico spruzzatore dei detersivi per vetro o sgrassatore (naturalmente dopo averlo lavato accuratamente). Per la produzione del repellente naturale il rapporto delle dosi è 1:1, 1 gr di tabacco per 1 lt di acqua. L'infuso, che non è dannoso per le piante, si deve applicare una o due volte al giorno a seconda del grado di infestazione.

Per quanto riguarda grandi produzioni verificare la possibilità di applicare i composti biologici di silicato di sodio e sali di potassio di a.g. oppure il rotenone, chiaramente sotto la guida degli organismi di controllo e secondo le normative vigenti nel campo della produzione agricola.

cimice-verde

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>