Come curare la roncopatia

Il russamento è fastidioso soprattutto per chi è costretto a dormire accanto a chi ne soffre, nelle forme più gravi il rumore può raggiungere anche gli 80 decibel, ma a differenza delle apnee notturne, non ci sono particolari rischi anche se una roncopatia si può cronicizzare degenerando in un disturbo del sonno pìù grave, solitamente chi ne è afflitto, soffre di forme occasionali che si possono curare con facilità.

Se dal punto di vista medico il russamento è cosa ben distinta dall’apnea del sonno, spesso si usano le medesime terapie per curare entrambi..
Tuttavia è diffcile che un paziente sia in grado di distinguere le differenze tra le due patologie, solo degli esami specialistici effettuati presso un centro specializzato, possono stabilire se il paziente è colpito da roncopatia o da apnea notturna.
Uno degli esami a cui viene sottoposto il paziente è la polisonnografia, solo dopo può essere stilata la diagnosi che stabilirà esattamente di quale tipo di apnea soffre il paziente.

Il russamento si caratterizza per una vibrazione dei tessuti molli presenti in bocca, in pratica il palato molle tocca la mucosa posteriore ostruendo le vie aeree.

E’ bene comunque che si lascino perdere rimedi casalinghi spesso di dubbia efficacia, talvolta è sufficiente mutare il proprio stile di vita, a parte le cose più ovvie ( non fumare, non bere) il rimedio fai-da -te consiste proprio nel mutare radicalmente il proprio regime alimentare, dato che una riduzione del peso del 10% può essere di giovamento a chi ha il collo grosso. Anche dormire sul fianco e sulla pancia può essere d’aiuto ( i tessuti ostruiscono più facilmente le vie aeree se si sta sdraiati sulla schiena), può essere anche utile un apparecchio che serve per separare la mascella dalla mandibola, in questo caso è necessario comunque seguire la terapia indicata dallo specialista.
Tra le terapie per trattare le roncopatie si utilizza anche il laser che è in grado di eliminare con più efficacia l’ostruzione delle vie aeree che causa la roncopatia.

DUBBI A RIGUARDO: La diagnosi non corretta porta spesso ad adottare terapie non efficaci, è vero che delle apnee notturne se ne occupa la Medicina del sonno, tuttavia solitamente il paziente contatta il medico di famiglia che tratta le roncopatie, prescrivendo delle sostanze fluidificanti da nebulizzare con l’aerosol che portano però solo dei benefici temporanei.Purtroppo i centri del sonno sono pochi e questo porta molti pazienti a trascurare il disturbo.

ESPERIENZE PERSONALI: ho sofferto di una forma blanda di apnea notturna che ho risolto perdendo qualche chilo in eccesso, tuttavia altri familiari sono stati colpiti da forme leggere di roncopatia che sono state risolte utilizzando delle strisce orali che contengono sostanze naturali che servono per lubrificare proprio quelle parti molli della gola che, vibrando, producono il fastidioso rumore. L’utilizzo è semplice basta mettere una di queste strisce sulla lingua e aspettare che gli ingredienti contenuti si sciolgano, l’effetto dura una notte.

E’ un rimedio senz’altro consigliato, efficace ed economico, nelle forme più gravi di russamento è preferibile consultare lo specialista.

SVANTAGGI: Indicati
VANTAGGI: Indicati

roncopatia

1 comment

Leave Comment
  1. argos

    Per esperienza personale suggerisco sempre di provare lo ”snore free”della stella white. Io oramai è quasi un anno…eccezionale!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>