Come creare fotomontaggi

Per creare fotomontaggi esistono tantissimi programmi e metodi diversi, anche in base al sistema operativo che stiamo usando: ad esempio su tutte le piattaforme il programma più in voga (ma anche più complicato) è sicuramente Photoshop che rimane il più apprezzato anche in campo professionale e anche grazie alla sua suite di programmi che negli anni è diventata sempre più completa.

Su mac una valida alternativa, completa, ma molto più economica è Pixelmator che racchiude in se molte utilità di Photoshop e molti pennelli e plug-in aggiornabili. Su linux il programma più di moda è sicuramente gimp, disponibile gratuitamente cosi come su windows e mac. Forse un pò scomodo se siete abituati a Photoshop, ma capace di dare sicuramente buone soddisfazioni per via del buon numeor di strumenti presenti.

I fotomontaggi possono essere fatti in vari modi, in genere si utilizzano strumenti come Forbici, bacchette magiche, lavorando sui limiti di tolleranza e sui colori. Per un buon risultato inoltre bisogna che ogni elemento sia illuminato da una luce simile altrimenti l’effetto finzione verrà subito all’occhio.
E’ importante quindi giocare sulle curve di colore (raggiungibili dai menu nella barra strumenti superiore al programma (gimp, pixelmator o photoshop che sia) e dotati di un’alta personalizzazione.

Per quanto riguarda altri strumenti, sono importanti quelli di cancellazione che richiedono un certo tempo per essere utilizzati correttamente e necessitano di una mano ferma per cercare di non creare sbavature sul lavoro.

In genere si utilizzano tavolette grafiche per disegnare, ma anche nel caso di fotomontaggi queste ci verranno utili in quanto permettono al lavoratore di ottenere una maggiore precisione, sia nel momento di ritaglio che nel momento di correzione foto (ad esempio se vogliamo ritagliare un elemento indesiderato in una foto e lo dobbiamo selezionare in modo preciso.

Per aumentare ancora di più la precisione, è consigliato zoomare nella foto o immagine che si sta modificando e di lavorare quindi solo zone desiderate. Al termine delle varie modifiche, bisogna sempre riguardare l’immagine nel complesso per donare all’immagine finale un senso di uniformità.

Questi programmi esistono anche per sistemi operativi mobili come iphone, ipad, android e sono scaricabili direttamente dai rispettivi market online. Su uno schermo grande di un tablet sono più facilmente utilizzabili ovviamente, anche se richiedono l’acquisto di uno strumento a parte, ovvero delle penne per schermi capacitivi: dotate di una punta morbida e gommosa, scivolano bene sullo schermo e permettono una maggiore precisione di lavoro. In genere il prezzo di questi accessori si aggira intorno ai 10 euro, anche se quelle professionali arrivano anche a costa 30 o 40 euro. Se non doveste trovare queste penne nei negozi, si possono reperire online, nei grandi market online.

fotomontaggio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>