Come creare un abito da Arlecchino per carnevale

Un classico di Carnevale è Arlecchino, una delle figure della tradizione popolare più conosciute e riprodotte. Ricreare l’abito non è difficile, occorre però avere i giusti materiali e qualche indumento vecchio. La particolarità dell’abito è quella di avere molti colori, questo effetto può essere facilmente riprodotto partendo da una base bianca o nera cui applicare sopra riquadri di stoffa colorata.

Cosa occorre:

- maglietta a maniche lunghe e pantalone in tinta unita bianchi o neri
– quadrati di stoffa colorata
– forbici
– ago e filo e/o macchina da cucire
– colla per stoffa
– Tulle bianco
– corda nera
– bastone
– cappello
– maschera con naso a becco
– scarpe a punta

Come fare

Si parte da un pantalone e da una maglietta a maniche lunghe molto semplice, possibilmente di tinta unita. Questi indumenti vanno stirati in modo perfetto perché saranno la base da lavoro su sui poi applicare i rombi colorati. In una merceria o cercando in casa vecchi vestiti, ci si procura pezzi di stoffa lucida dai colori molto forti. Per una buona riuscita del costume bisogna insistere sul giallo, rosso, verde, azzurro, arancione e colori simili. Una volta che si ha abbastanza stoffa, si passa a tagliare le sagome. Se non si è particolarmente precise in quest’operazione si può creare anche un cartamodello con del cartone, la figura da riprodurre deve essere quella di un rombo con i lati tutti uguali di almeno quattro o cinque centimetri. L’ideale è di realizzare sagome abbastanza grandi in modo da non dover poi perdere troppo tempo nell’applicarle ai vestiti. Realizzato il modello, si poggia sulla stoffa e si taglia lungo i bordi. Alla fine il risultato sarà di avere rombi di tutti i colori e di un numero sufficientemente grande per poter ricoprire gli indumenti a tinta unita. Si passa poi a cucire tutti i ritagli, l’operazione può richiedere tempo, ma è molto importante prestare attenzione a come alternare i colori tra loro. Si parte dal basso mettendo colori diversi vicini e si continua in questo modo alternando i vari segmenti. Una volta ricoperto le gambe del pantalone si passa poi alla maglia. Volendo si possono lasciare anche delle parti scoperte per ricreare una sorta di finti rombi con il colore stesso della maglia. La cucitura può essere fatta anche a mano, ma è preferibile per questioni di tempo utilizzare una macchina per cucire o una spillatrice.

Se non si è particolarmente esperte nel cucito, si può utilizzare anche della colla per indumenti. In questo caso una volta completato il tutto, si deve lasciar asciugare per bene, almeno una notte. Una volta ricoperto interamente il completo si passa ai dettagli. Volendo si può creare un costume molto ricco di applicazioni, vicino al collo della maglia si applica un po’ di tulle bianco per creare una sorta di colletto, mentre per realizzare la cintura da mettere in vita si può utilizzare un po’ di corda nera. Con il tulle, va bene anche della carta si possono creare anche dei finti polsini vicino alle maniche. Infine occorrono gli accessori: scarpe nere, una maschera con il naso a becco di plastica e il cappello. Per realizzare quest’ultimo accessorio si può utilizzare anche della carta pesta oppure si può riciclare un vecchio cappello su cui applicare qualche rombo colorato. La tradizione vuole che Arlecchino porti con sé anche un bastone e in questo caso non resta che acquistarne uno. Così il costume è pronto e ricco di dettagli.

arlecchino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>