Come costruire un cancello in ferro

Per realizzare un cancello occorre avere una certa abilità e dimestichezza soprattutto con alcuni attrezzi di lavoro che vedremo più avanti. Non è quindi un’operazione alla portata di tutti e, nella maggior parte dei casi, sarebbe opportuno rivolgersi a dei fabbri o meglio ancora a dei mastri ferrai. Questo perché oltre che esteticamente bello, il cancello deve rispondere ai requisiti di solidità e di sicurezza e di conseguenza il lavoro deve essere fatto alla perfezione. In ogni modo vediamo come bisogna procedere per realizzare un cancello in ferro. Per prima cosa dovete avere un’idea di come questo dovrà presentarsi e che tipo di decori debba avere. Nel caso in cui, infatti, sia posto a delimitare la vostra proprietà, allora sarebbe opportuno realizzarlo alto e terminante, in sommità, con lance e punte in modo da scoraggiare qualsiasi malintenzionato a scavalcarlo. Basterà dare un’occhiata ai tanti cancelli che si vedono in giro, su qualche rivista specializzata, o sul web e provare a disegnarlo su carta, con misure e dettagli. Il ferro ha la caratteristica che, se si è abili a lavorarlo, lo si può facilmente forgiare, tagliare, piegare etc. Ma in commercio esistono comunque elementi decorativi in ferro già pronti che potete inserire nel vostro cancello, come ad esempio le barre sagomate, gli elementi in ferro forgiato, fiori, foglie, cerchi, quadri, elementi ovali, pigne, rosoni e quant’altro. Ognuno di questi ha un suo prezzo ed è più facile acquistarli in una ditta specializzata in lavorazioni di ferro battuto. In questo modo avrete la possibilità di realizzare un cancello personalizzato, come più vi piace. Solo dopo averlo disegnato sarete in grado di recarvi, con lo schema dei componenti che vi occorreranno, in un negozio di ferramenta che vende il ferro o, è preferibile, in qualche grande azienda produttrice. Per saldare tra di loro i pezzi occorre una saldatrice che dovrete però adoperare solo dopo avere indossato una maschera con vetro oscurato e indumenti adatti. Infatti questo strumento emette radiazioni pericolose sia per gli occhi che per la pelle e durante l’operazione potrebbero anche saltare pezzi di metallo incandescente che sarebbero in grado di ustionarvi. Utilizzate dei guanti da lavoro anche per maneggiare la pinza portaelettrodo e i componenti in ferro che andrete a saldare, in quanto anch’essi saranno roventi. Man mano che procedete con la saldatura è necessario tenere i pezzi di ferro ben fermi ed eventualmente fissarli su un supporto per metterli meglio a contatto tra di loro.
Dopo aver assemblato i pezzi si dovrà provvedere a fissare il cancello nei due pilastri in muratura che lo sorreggono. La soluzione migliore sarebbe quella di incernierare i cardini direttamente nel pilastro stesso. A quel punto non vi rimane altro che passare a pitturare il cancello con un pennello o con il compressore e la pistola a spruzzo, dipende anche dalle forme che avrà assunto il vostro ferro. Occorrono almeno due mani di smalto e, ancora prima una mano di antiruggine. Ricordatevi infatti che, se riuscite a fare ora un buon lavoro, il cancello non avrà bisogno di manutenzione frequente.

cancello

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>