Cosa vedere in Ecuador

Quali sono le principali mete turistiche da visitare durante un viaggio in Ecuador? Iniziamo dalla capitale, Quito, situata a 2800 metri di altezza ai piedi del vulcano Pichincha. Si tratta del principale centro del Paese sudamericano, sede dei palazzi governativi e degli uffici amministrativi. Vi possiamo distinguere due zone, differenti per storia e per ricchezza economica. La Quito Coloniale è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, ed è ricca di monumenti (ma anche di miseria e condizioni sociali di degrado); d’altra parte, la Quito Moderna presenta abitazioni più nuove e numerose aree verdi. Il punto di partenza per visitare la città potrebbe essere la Plaza Grande, o Plaza de la Indipendencia, dove sono situati la Cattedrale, il Palacio del Gobierno e il Municipio. A partire dalla piazza si sviluppa un denso reticolato di strade che comprendono i principali monumenti cittadini, in particolar modo strutture religiose come la Chiesa della Compania de Jesus o il Convento de San Francisco. Se Quito è il centro amministrativo e storico del Paese, il centro commerciale può essere individuato in Guayaquil, situato alla foce dei fiumi Daule e Guayas. La città si caratterizza per un clima caldo e umido spesso contrassegnato da improvvisi acquazzoni. Da visitare la Fortezza della Planchada, così come il Barrio de Las Penas, il quartiere degli artisti, ricco di locali. Segnaliamo, inoltre, il Malecon Bolivar: si tratta di una delle vie più animate della città, con la Rotonda centrale da cui partono le strade che giungono fino al Parque del Centenario, che comprende il Palazzo Municipale, la Torre dell’Orologio, il Parque Bolivar e la Cattedrale. Da Quito, poi, si può anche intraprendere un itinerario verso sud alla scoperta delle vette più importanti dell’Ecuador. Si tratta di un genere di vista principalmente consigliato per gli appassionati di escursionismo e trekking, che può essere effettuato, tuttavia, solamente dietro il consiglio di guide locali. Citiamo, allora, il Monte Pichincha, poco lontano dalla capitale, che offre un panorama spettacolare della città. Andando verso sud, poi, ecco il vulcano di Cotopaxi, che sfiora i seimila metri, situato nel Parco Nazionale omonimo, e la vetta più alta del Paese, il Chimborazo, che supera i 6300 metri. Una meta da non perdere per chi viaggi in Ecuador, poi, è rappresentata dalle Isole Galapagos, miracolo naturale, che, in virtù della Corrente di Humboldt e del clima equatoriale, propone un ecosistema a dir poco spettacolare, unico al mondo, con flora e fauna da non perdere, animali che solitamente si trovano a migliaia di chilometri di distanza. La fama delle Galapagos è dovuta al naturalista Charles Darwin, che proprio su queste isole effettuò le osservazioni che lo portarono all’elaborazione della teoria dell’origine della specie e della selezione naturale, teoria che rivoluzionò il pensiero scientifico. Per visitare le Galapagos, che sono state dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Umanità, si può iniziare dall’isola più grande, l’isola Isabella, per proseguire con Santa Cruz, San Cristobal, Santa Maria, finendo con le minori: dipende, ovviamente, dal tempo che abbiamo a disposizione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>