Cosa mangiare durante l’allattamento

L’ allattamento materno è una delle pratiche più naturali che esistano, tutti i medici e le mamme stesse, ritengono fondamentale l’ allattamento al seno almeno per i primi mesi di vita del bambino.
Da sempre ci sono leggende legate all’ allattamento, si ricevono consigli su consigli su cosa mangiare o cosa non mangiare, alimenti capaci di aumentare la lattazione e alimenti capaci di rovinare il latte, ma sarà tutto vero?
Spesso ci si ritrova subissate di consigli su quali siano gli alimenti così detti capaci di aumentare la produzione del latte materno, e così ci si ritrova a mangiare brodi di tutte le varietà, litri di latte e qualcuno consiglia anche birra e cose simili, ma in realtà le cose sono un pò diverse, l’ allattamento è un gesto naturale, inizia in modo naturale e anche seguendo alcuni consigli spesso la natura fa il suo corso.

Vediamo un pò in realtà cosa è giusto mangiare.

* L’ acqua, la prima cosa da aumentare è proprio questo semplicissimo alimento, l’ acqua è la fonte di ogni cosa.

* Aumentare la consumazione di Proteine e sali minerali, aiutandosi con carne e pesce, quest’ ultimo accresce nel latte materno gli acidi grassi (DHA) validi alleati per la crescita del sistema nervoso del bambino.

* Le verdure giocano un ruolo importante, fonte di preziosi minerali, non tutte sono consigliate ma la maggior parte sono preziose per aumentare l’ apporto di acqua e sali minerali.

* Il latte e le uova aiutano a mantenere alti i livelli di calcio, sostanza destinata a perdersi ad ogni poppata del bambino.

Ora siamo del tutto sicuri che una dieta fornita di tutti questi alimenti, sia in grado di assicurare una buona dose di latte materno?

Possono alimenti consumati in genere tutta la vita aumentare la produzione del latte? E allora perchè molte donne non godono di questa possibilità?
Molte donne non vedono una goccia di questo prezioso alimento, sono costrette a nutrire il proprio figlio con latti artificiali, questo perchè queste signore non seguono una dieta ideale?
Non credo.
La mia esperienza si basa sull’ essere padre di due splendidi bambini, entrambi allattati al seno con molti sacrifici per poco più di tre mesi, a nulla sono servite le convinzioni di mia moglie, sostenitrice dell’ assunzione di liquidi e alimenti così detti aumenta latte, aggiunte di prodotti omeopatici al riguardo, la natura ha deciso di regalare poco di questo prezioso alimento e quel poco nessun alimento è stato in grado di aumentarlo.

Ora mi chiedo e vi chiedo, è giusto che una donna si senta inferiore basandosi sulla sua poca produzione di latte, o che si torturi alimentandosi in modi stabiliti, calcolando percentuali di acqua, calcio etc per poi rimanere delusa?

No, l’ allattamento è un gesto naturale, e tale deve rimanere, il nostro organismo è in grado di riconoscere le varie fasi della nostra vita e le proprie esigenze, se da solo non produce latte, vuol dire che il latte non c’è.

Lo svantaggio è proprio questo.
Il vantaggio è una dieta sana ed equilibrata.

allattamento al seno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>