Cosa fare mentre si sale a cavallo

La prima cosa da fare mentre si sale su un cavallo è abbandonare ogni tipo di improvvisazione: nell’’eseguire questo gesto, infiatti, non è ipotizzabile pensare alcuna mossa che non sia stata in precedenza studiata e preparata. Il cavallo resta una bestia, sarà nostro compito mantenerlo mansueto. Bisogna mantenere la calma, dunque. Il cavallo sente la nostra tensione, e potrebbe reagire di conseguenza. Comportarsi in maniera tranquilla, senza dare segni di nervosismo, è il primo passo per salire in groppa senza il minimo problema.
Ed ora vediamo come si sale effettivamente a cavallo. Prima cosa da fare: bisogna partire dalla sua spalla sinistra; dobbiamo afferrare le redini e passarle sul collo del cavallo. Teniamole ben salde sul collo – con la mano sinistra – in modo che l’animale rimanga fermo mentre salite. Le prime volte ci sembrerà difficile, ma una volta fatta l’abitudine sarà il gesto più naturale del mondo. Dobbiamo solo acquisire confidenza con il nostro compagno. Seconda cosa da fare: tenendo fermo il cavallo con le redini impugnate dalla mano sinistra, dunque, posizioniamo la mano destra sulla sella, più o meno in centro: questa ci servirà come leva per alzarci. Prima di issarci, però, infiliamo il piede sinistro nella staffa: è questa la terza cosa da fare. Una volta eseguita questa operazione, potremo alzarci in tutta sicurezza, appoggiandoci sulla sella, come dicevamo prima, ed andare a raggiungere con il piede destro l’altra staffa (quarta cosa da fare). Un consiglio importante: prima di eseguire questa operazione, dobbiamo notare quanto sono lunghe le staffe, poiché i talloni dovranno essere rivolti verso il basso: dovremo calcolare, quindi, più o meno dieci centimetri tra noi e la sella (quinta e ultima cosa da fare).
A questo punto, il nostro ultimo consiglio è quello di farci trascinare dall’’adrenalina: godiamoci la passeggiata che stiamo per fare, ricordando sempre, e comunque, di rispettare l’animale sul quale siamo. Sarà un’esperienza personale fantastica, e lo diciamo a quelli che si avventurano in questa fatica per la prima volta.
Ci permettiamo di fornire un ulteriore suggerimento: passeggiare a cavallo, perdonateci il gioco di parole, non è una passeggiata. Richiede competenza e serietà: ecco perché sarebbe meglio, prima di avventurarsi in questa esperienza da soli, fare un po’ di pratica seguendo qualche corso tenuto da professionisti. Se invece capiterà di trovarci in un maneggio senza essere preparati, questi primi consigli saranno più che sufficienti per consentirci di salire in groppa all’animale in tutta serenità. E così potremo scoprire che, in sella, il mondo ha tutta un’altra visuale.
Un’ultima annotazione: a meno che la “passeggiata” non ci venga offerta da qualcuno, provare l’esperienza di andare a cavallo è piuttosto costoso. Il prezzo varia dai diversi centri, solitamente si va dai 15 ai 30 euro. Per trovare il centro a noi più vicino sarà sufficiente andare sul sito della Fise, la Federazione Italiana Sport Equestri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>