Cosa dar da mangiare ai cavalli

Qualsiasi mammifero ha bisogno di un'alimentazione sana ed equilibrata per poter vivere e svolgere a pieno le sue attività, i cavalli rientrano perfettamente in questa descrizione. A differenza però di altri mammiferi di piccola taglia, devono avere un'alimentazione razionata nell'arco della giornata in proporzione al tipo di attività che svolgono e al consumo di energie che ne consegue.
In natura un cavallo tende a mangiare per gran parte della sua giornata, ecco perchè è indispensabile nutrirlo almeno due o tre volte al giorno.
Una dose eccessiva di cibo può provare indigestioni, una troppo ridotta può debilitare l'animale, ecco perchè bisogna raggiungere il giusto compromesso, facendolo mangiare poco ma spesso, generalmente mischiando fieno e cibo concentrato.
Il fieno è molto importante perchè costituisce il migliore sostituto all'erba che i cavalli mangerebbero in natura. La qualità dipende molto dal taglio e da come è lavorato, migliore è l'erba, maggiori saranno le proprietà nutritive apportate. Il prezzo del fieno varia molto anche in base al quantitativo che si compra e al tipo di erba, in genere, il fieno è venduto in balle piccole di circa 20 kg, prezzo intorno ai 4-5 euro, molto dipende anche dai venditori. Sempre più spesso anche per ammortizzare i prezzi si acquistano le rotoballe, fieno pressato in enormi rotoli da diversi quintali, prezzo medio intorno ai 20-25 euro.
Ci sono poi i classici mangimi, che possono alternarsi al fieno o essere mischiati, ma non sostituirlo. Esistono in diverse varianti, la loro composizione varia anche in base all'età e al tipo di attività che svolge il cavallo. Un cavallo che non svolge particolari attività agonistiche può mangiare fiocchi di mais, avena, orzo e carrube. Cavalli che svolgono un'intensa attività sportiva hanno invece bisogno di alimenti più leggeri e altamente digeribili come avena e orzo. I prezzi variano molto, si può partire da pochi euro a diverse decine di euro al chilo, tra le marche più conosciute ci sono Baldini e Dalla Grana.
Le proporzioni tra fieno e mangimi variano sempre in base al tipo di attività svolta, se il lavoro è leggero in genere si tende a dare più fieno che mangime, come esempio un chilo e mezzo di fieno e mezzo chilo di mangime. Quando l'attività di lavoro è intensa il rapporto tra fieno e mangime si inverte, aumentando le quantità di mangime anche fino a un chilo e mezzo e riducendo quella di fieno a un chilo o anche meno. L'importante è ricordare sempre di apportare la giusta dose di carboidrati, proteine e fibre, senza dimenticare i sali minerali contenuti nell'acqua. I vantaggi di una sana ed equilibrata alimentazione sono la salute stessa del cavallo e la qualità della sua vita, un cavallo che segue un'alimentazione equilibrata e viene curato amorevolmente vive molto più a lungo. Non ci sono svantaggi se non nel costo a lungo termine che l'acquisto di questi alimenti può portare, ma è un prezzo che si paga ben volentieri quando, si amano creature tanto straordinarie quanto i cavalli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>