Come utilizzare Podio, l’erede di Google Wave

Google Wave è stato un interessante progetto di collaborazione made in “Big G”. Purtroppo è stato poco compreso, complice un’interfaccia poco chiara. Chi avesse perso la possibilità di provarlo e volesse saggiarne le potenzialità per il team working può utilizzare quello che ha tutta l’aria di esserne il miglior erede.

 

Istruzioni

  1. Il progetto in questione è stato localizzato anche in italiano e risponde al nome di "Podio" (http://q.gs/6eEms). Registriamo un account fornendo la mail, autenticandoci e, infine, scegliendo una password d'accesso.

  2. Entrati nello spazio del tool, possiamo invitare i nostri colleghi ad aderirvi: spetterà a noi accettare il loro ingresso e, se del caso, negarlo o revocarlo.

  3. A questo punto possiamo già vedere uno dei tanti utilizzi di questo meeting tool: selezionando uno o più contatti è possibile affidar loro un compito (task) che andrà definito con titolo, descrizione e durata al termine della quale verrà taggato come completato.

  4. Veniamo al dunque e vediamo come si esplica, invece, un piano di lavoro ovvero un'agorà virtuale in cui vari contatti discutono e condividono risorse. In alto a sinistra clicchiamo su "Crea uno spazio di lavoro": troveremo degli scenari predefiniti (Collaborazione, Gestione clienti, Intranet) ma sarà anche possibile creare uno spazio ex novo, vuoto.

  5. Scegliamo uno scenario predefinito, come esempio, e diamogli un nome precisando se sia aperto solo su invito o se sia disponibile per tutti i nuovi contatti che verranno aggiunti automaticamente o meno. Facciamo "Crea ed invita": invitiamo al massimo 5 colleghi (limite dell'account free).

  6. Visualizzeremo una timeline: qui possiamo aggiungere file o link ed utilizzare la @ se vogliamo menzionare uno dei nostri contatti/colleghi.

  7. Per avviare con uno o più di loro una chat, è sufficiente cliccare "chat" in alto a destra: selezioniamo gli interlocutori desiderati e iniziamo una chiamata audio o una videochat utilizzando i comandi presenti in ogni scheda contatto.

Podio

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come collaborare online grazie a Quip per Android e iOS | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>