Come usare Office online

Nell’epoca del cloud i nostri dati possono essere ospitati online ma anche elaborati sulla nuvola. Google, in tal senso, è attiva già da tempo con GDocuments, un pacchetto di editing incluso nel suo storage online GDrive. Da poco anche la Microsoft ha una soluzione simile, l’Office Online, che può essere utilizzato nell’ambito di Outlook.com, già servizio di webmail della casa di Redmond. In questa guida vedremo, appunto, come usare le caratteristiche principali di questo tool per editare i nostri documenti senza bisogno di una suite locale installata sul pc.

 

Istruzioni

  1. Per prima cosa, rechiamoci su “Outlook.com” e registriamo un account. Altrimenti, possiamo usare l’account di “OneDrive”, di Skype, di LiveMail e di altri servizi vecchi o nuovi targati Microsoft. Una volta entrati nello spazio, tralasciamo le funzioni di posta elettronica e, in alto a sinistra, cerchiamo l’icona della graffetta verso il basso accanto alla dicitura “Outlook.com”. Selezionandola troveremo l’elenco di diversi applicativi: nel nostro caso concentriamoci su Word, Excel e PowerPoint.

  2. Selezionando Word potremo creare un documento nuovo partendo da una pagina vuota, da modelli online di vario tipo (riunione, cv, lettera formale etc), o utilizzando un documento recente caricato in “OneDrive” (ex “SkyDrive”) lo storage online di 7 Gb (espandibili tramite il sistema degli inviti agli amici). Cliccando su “Nuovo documento vuoto” troveremo sempre le tab principali (Home per la formattazione, Inserisci per le immagini o le intestazioni/piè di pagina, Layout per l’aspetto del documento, Revisione per le correzioni ed i commenti). Nel menu “File” potremo gestire le proprietà del documento, stamparlo normalmente o in pdf e scaricarlo: il salvataggio avverrà online in OneDrive e automatico.

  3. Per quanto riguarda Excel, anche in questo caso possiamo creare un foglio di calcolo da zero o partendo da modelli o documenti salvati in OneDrive. Tra i tab principali possiamo distinguere quelli per inserire e formattare i dati, quelli per eseguire le normali operazioni di calcolo e le funzioni o per inserire i grafici (tranne gli Sparkline). Molto essenziale il tab “Dati” che, online, permette poco più dell’ordinamento dei dati in ordine crescente/decrescente.

  4. Particolarmente completo, invece, si rivela essere PowerPoint. Possiamo creare le diapositive, duplicarle, applicarvi stili e layout, impostare effetti di transizione ed animazioni e, ovviamente, avviarle a mo’ di anteprima prima di scaricarle o…condividerle.

  5. Si, condividerle: una delle funzionalità più utili di questo tool online consiste proprio nella possibilità di condividere online e di lavorare sul medesimo documento con utenti iscritti alla nostra rubrica di contatti (codename “Persone”) che possiamo trarre da Outlook.com, da Linkedin o da Facebook. Basterà cliccare in alto a destra e scegliere “Condivisione” e indicare la mail del contatto ed un breve messaggio di presentazione, avendo cura di precisare se il destinatario potrà modificare il documento e se dovrà attenersi alla sola visualizzazione del medesimo.

Immagine

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come utilizzare Google Drive in modo alternativo agli usi di storage ed editing online | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>