Come trasformare il portatile in un router wi-fi

Immaginiamo alcune situazioni piuttosto comuni relative alle nostre connessioni. Prima situazione: siamo a casa e la nostra connessione wireless non raggiunge tutte le camere e, quindi, necessitiamo di un “ripetitore” di segnale. Seconda situazione: siamo a lavoro e, causa dei clienti/colleghi esterni, siamo costretti a connettere alla rete diversi altri terminali pur non avendo le password a disposizione dell’amministrazione di rete. Che possiamo destreggiarci in situazioni simili? Con l’aiuto di un programma come mHotspot che trasforma il nostro computer/notebook in un ripetitore wi-fi o in un router mobile.

 

Istruzioni

  1. Il programma può essere scaricato dal sito ufficiale (http://bit.ly/OKdIp0) con qualche cautela: l'eseguibile prelevato, infatti, è un downloader che propone, oltre al programma vero e proprio, una serie di "tool regalo" poco graditi.

  2. Una volta installato il programma in oggetto, accettandone le impostazioni di default, avviamo "mHotSpot". La schermata del programma è di facile comprensione quanto a voci presenti: in "HotSpot Name" possiamo indicare il nome ("Ssid") della rete che vogliamo generare, in "Password" invece preciseremo la chiave di accesso alla rete.

  3. Altra voce importante è "Internet Source" che consente di stabilire se la rete condivisa è tratta dall'ethernet o dal wireless. In "Max clients" verranno, infine, precisati quanti sono i device che si avvarranno della rete generata con "mHotSpot" (massimo consentito: 10).

  4. Completati tutti questi passaggi, non rimane che cliccare su "Start HotSpot" per creare la rete che verrà condivisa, tramite il protocollo WPA2, con i terminali di nostra scelta. L'area sottostante, infine, ci mostrerà i dati riassuntivi della nostra rete (client connessi, dati scambiati, velocità di upload e download).

  5. Da notare che questo tool è presente anche in versione Android per consentire ai nostri smartphone di diventare dei veri e propri router tascabili.

mHotspot_7_1

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>