Come tingere in modo naturale i capelli bianchi

Avere una bella chioma è sinonimo di fascino. Con il passare degli anni, l’insorgere dei capelli bianchi può costituire un vero ostacolo dal punto di vista estetico, ma c’è anche chi li apprezza. Le tinture sono una facile soluzione per molte persone, ma non tutti le preferiscono, soprattutto perché troppo aggressive.
Tingere i capelli con metodi più naturali, e salutari, è possibile. E’ una soluzione ideale anche per chi soffre di allergie o per le donne in dolce attesa.
Si tratta, generalmente, di composti vegetali che vanno applicati come delle classiche tinture, ma con un tempo di posa, ed una consistenza, nettamente diversi. Non sono procedimenti veloci, ma certamente più salutari.
Vediamo quali sono i più conosciuti:

 

 

Istruzioni

  1. Henné. E' la colorazione più diffusa e si presenta sotto forma di polvere vegetale. Usato puro sui capelli bianchi, dona sfumature ramate-dorate.Per una maggiore copertura può essere miscelato con altre polveri naturali, come l’indigo o il mallo di noce, adatte per tonalità più scure.Va applicato su capelli asciutti e lasciato asciugare. Trascorso questo tempo, procedere allo shampoo come d'abitudine.

  2. L’indigo. E' una polvere naturale che dona un riflesso più scuro, tendente al nero, con sfumature mogano, in base al colore base del capello. Può essere usato sia puro, che miscelato con l’henné, per un effetto più deciso.

  3. Il mallo do noce. Anch'esso si presenta come polvere e se applicato puro dona sfumature castano-dorate. Miscelato con altre polveri, ad esempio l’henné, dona un effetto più scuro. E' spesso utilizzato anche miscelato con acqua tiepida. In questo modo si ottiene un composto cremoso e facile da spalmare.

  4. Salvia e rosmarino. Portando ad ebollizione due bicchieri di acqua in un pentolino, aggiungendo mezzo bicchiere di salvia secca e mezzo bicchiere di rosmarino, si ottiene un infuso ideale per capelli più chiari. Bisogna lasciar bollire per mezz’ora e poi travasare in un barattolo. E' importante far macerare per alcune ore, meglio per tutta la notte, e poi scolare le erbe dall’acqua. Versare un quarto della miscela sui capelli e lasciare asciugare il composto. Una volta asciugato, procedere come d'abitudine. Il composto può essere applicato ogni 3-5 giorni.

  5. Tè nero. E’ un metodo molto utile per nascondere i primi capelli bianchi. Fa fatto raffreddare, applicato sulla chioma come fosse un infuso e lasciarlo agire per un’ora. Procedere poi con il lavaggio. Ottimo anche come risciacquo ravvivante.

  6. Amla. Una polvere vegetale utilizzata dalle donne indiane per ravvivare il colore e rinforzare il capello. Può essere utilizzata pura, con acqua tiepida o con l'henné per un colore più carico.

Hennè

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come rimuovere la tinta dai capelli | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>