Come si stipula un contratto di convivenza e quali le sue caratteristiche

La condizione economica attuale ha portato ad un aumento sostanziale delle situazioni di convivenza, spesso preferite alla forma più classica e convenzionale del matrimonio. Altre volte invece questa scelta nasconde motivazioni personali. Ma come stipulare un contratto di convivenza?

 

Istruzioni

  1. Prima di procedere è bene comprendere a fondo quale sia lo scopo di questa tipologia di accordo. In buona sostanza viene utilizzato per regolamentare l'aspetto economico e patrimoniale del rapporto di coppia, tutelando gli interessati sotto il profilo strettamente monetario.Proprio per questa ragione risulta importantissimo e fondamentale per tutte quelle persone che non sono unite da un vincolo legale.

  2. Da chi può essere stipulato? La risposta a questa domanda è la più ovvia: da qualsiasi coppia, non coniugata, che sia intenzionata a portare avanti una situazione di convivenza stabile. Si tratta di un passo molto importante che contribuisce ad unire legalmente gli interessati, senza che vi sia necessità di un vincolo matrimoniale. È proprio questa una delle ragioni principali che ha incentivato la diffusione di questo tipo di accordo.

  3. Quali sono, nel dettaglio, gli aspetti trattati dal contratto? Innanzi tutto si tratta di un documento che va a regolamentare la ripartizione delle spese comuni. A questo si aggiunge una tutela dell'impegno per quel che concerne l'attività domestica di entrambi. Ovviamente il contratto approfondisce anche tutte le questioni riguardanti i diritti patrimoniali, l'assistenza in caso di malattia, la regolamentazione per quel che riguarda i beni acquistati in comproprietà e perfino le norme di utilizzo dell'abitazione comune. Insomma si tratta di un accordo totalitario su una moltitudine di questioni molto delicate.

  4. A chi rivolgersi per stipulare un contratto di convivenza? Redigere un contratto di questo tipo è molto semplice. Basta recarsi presso uno studio notarile e definire, punto per punto, tutti gli aspetti dell'accordo. Sotto questo punto di vista il contratto di convivenza è altamente personalizzabile, aspetto che ne facilita l'applicazione a numerosi casi differenti. Inoltre è bene puntualizzare che senza un contratto di questo tipo che vada a sancire i diritti di successione tra i membri nulla verrebbe assicurato al membro della coppia rimasto in vita. Un ragione in più per stipulare un contratto di convivenza.

Come si stipula un contratto di convivenza e quali le sue caratteristicheie-di-fatto_resized_300_original

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>