Come scoprire i contatti preferiti e gli errori relazionali con Textalyzer

Per pigrizia o scaramanzia, nessuno di noi tende mai a cancellare un contatto dalla rubrica, anche quando si tratta di una persona che non sentiamo più da tempo. Il risultato è presto detto: i pochi contatti che, eventualmente, sentiamo più spesso sono persi nella nostra palude telefonica.
Gioverebbe, quindi, una pulizia ma come essere sicuri di non rimuovere una persona con la quale si parla almeno un po’?
Semplice! Usando l’app oggetto di questa guida!

 

Istruzioni

  1. Apriamo il PlayStore ed installiamo "Textalyzer" (http://goo.gl/XY7xYl). L'app in questione è dotato di un algoritmo locale che, senza bisogno alcuno di connettersi alla rete, è in grado di elaborare delle accurate statistiche sulle conversazioni testuali che facciamo.

  2. La schermata principale dell'applicazione presenta le statistiche generali: in questo settore verrà mostrata la classifica dei contatti con i quali digitiamo più conversazioni (SMS, MMS).

  3. Cliccando sul nome di uno dei contatti citati, ne potremo vagliare le statistiche personalizzate: in pratica potremo vedere chi inizia prima la conversazione dei due, chi impiega più tempo a rispondere per primo, quali sono le parole e gli orari preferiti per noi e per l'altra persona e molto altro.

  4. Non mancano, poi, i consigli finali per migliorare il punteggio relazionale che abbiamo con un dato contatto che, magari, non vogliamo perdere. In tal modo non solo conosceremo meglio le nostre abitudini ma potremo anche capire eventuali errori che facciamo (essere troppo prolissi, scrivere ad orari impossibili o solo in occasione delle ricorrenze) con l'altra persona e, infine, porvi rimedio. Se è quel che volete...

textalyzer

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>