Come riparare un buco in una porta

Riparare un danno superficiale presente nella porta è un’operazione semplice che necessita tuttavia di alcune accortezze e di una valutazione del materiale di cui è fatta la porta.
Le porte sono in legno o in impiallacciato, solitamente le ante utilizzate sono quelle tamburate mentre è più raro trovare delle ante piene se non altro per un fatto di costo.

Le porte ad anta tamburata sono molto più fragili e meno resistenti agli urti; all’interno si trova una struttura, detta a nido d’ape, che tuttavia non è in grado di reggere ad un urto senza sfondarsi.

Diverso è il discorso delle ante piene che, in caso di urto, si possono ammaccare per la compressione dovuta al colpo ricevuto da un oggetto rigido ma non bucarsi.
Inoltre, mentre con la porta ad anta piena possiamo utilizzare il vapore per riparare eventuali fessure o ammaccature per quelle ad anta tamburata tale metodica è del tutto inutile.

Come riparare un buco di piccole e medie dimensioni

I piccoli buchi e le piccole fessure presenti sulle superfici in legno possono essere riparati riempendo il vuoto con stucco per legni o similari.
Lo stucco per legno è un impasto venduto in barattolini o in tubetti, la cui formulazione è specifica per chiudere le fenditure nel legno.

Una volta che è asciugato diventa molto consistente ma allo stesso tempo mantiene caratteristiche di maggiore flessibilità rispetto ad altri tipi di pasta.

  1. Prima di effettuare la riparazione scegliere lo stucco in base al colore della porta, in commercio si trova una vasta gamma di colori.
  2. Prendere della carta di giornale, appallottolarla e inserirla nel buco, questa accortezza si rivelerà molto utile nel caso di porte vuote per impedire che lo stucco cada all’interno della struttura.
  3. Per inserire lo stucco nel buco usate una spatola: lasciatelo a filo del piano e dopo che si è asciugato, carteggiate con della carta a grana 250; per evitare di rovinare la parte sana che si trova nell’area circostante al buco, mettere della carta gommata per schermare la superficie.
  4. Effettuate la carteggiatura, piegate la carta in modo da poter lavorare meglio sullo stucco in eccesso.

Come riparare un buco di dimensioni maggiori

Riempire il buco con frammenti recuperati dal legno dello stesso materiale e impastare con colla vinilica, riempire con lo stucco e infine carteggiate fino ad ottenere una superficie liscia.

Per ovviare ad inconvenienti di carattere estetico applicate della carta adesiva della stessa tonalità del legno sulla parte riparata.

Quale stucco scegliere

Un ottimo prodotto che permette di effettuare la riparazione descritta è “Legno Restauro” della Pattex ,uno stucco rapido formulato appositamente per il legno disponibile in una vasta gamma di colori.
Il prodotto è venduto in tubetti da 80 grammi, è facile da applicare ed è insolubile in acqua, una volta che si è solidificato può essere verniciato lucidato o carteggiato.

Il prodotto è indicato anche per ricostruire eventuali parti mancanti o difetti superficiali.
L’essiccazione rapida permette di procedere immediatamente alla finitura.

APPROFONDISCI LA GUIDA: Come togliere una macchia di alcool dal legno
APPROFONDISCI LA GUIDA: Come levigare il legno
APPROFONDISCI LA GUIDA: Come montare da soli il chiudiporta

come-riparare-un-buco-in-una-porta

4 comments

Leave Comment
  1. Michele

    Lasciate perdere lo stucco della Pattex fa veramente schifo !
    Appena uscito dal tubetto è troppo morbido e tempo 3 secondi mentre lo state spatolando si essica all’istante incrostando la superficie…stavo stuccando i battiscopa e ho smesso perchè me li sporca e fa fatica a venire via (stuccando malissimo le fessure).
    EVITATELO COME LA PESTE !

  2. elena

    concordo sul fatto che sia scadente, non tanto perché sia molle o perché solidifica troppo velocemente quanto per il fatto che sfarina eccessivamente quando lo si carteggia!

  3. Pingback: Come aprire una serratura bloccata | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>