Come rinnovare l’aspetto delle superfici esterne con l’idropulizia

Tutti i proprietari di una casa conoscono l’importanza di fare la manutenzione ai loro immobili, questo ne conserva il valore nel tempo, riducendo gli interventi più drastici, che normalmente sono molto costosi.
Tra le manutenzioni che una casa necessita c’è sicuramente la cura delle superfici esterne, come: terrazze, vialetti, marciapiedi, cortili, facciate e anche: muretti, cordoli, cancellate e l’arredo urbano (panchine, fioriere, gioci da esterno, ecc.).
Le tecniche per rinnovare l’aspetto di queste superfici eliminando lo sporco accumulato spaziano dal “fai da te” adatto alle superfici più piccole fino ai sistemi professionali necessari per grandi superfici.
Uno dei sistemi più efficaci ed economici è l’idropulizia. Grazie all’uso di un idropulitrice è possibile lavare le superfici e rimuovere lo sporco accumulato. Questa tecnica può essere fatta autonomamente grazie alle idropulitrici elettriche che molti hanno in casa oppure affidandosi agli esperti che utilizzano modelli di idropulitrice molto più potenti in grado di rimuovere lo sporco con accessori specifici per ogni situazione.
Navigando in internet si trovano molti esempio di idropulizia, oggi oltre alle tradizionali idropulitrici si trovano in commercio modelli che utilizzano nuovi accessori che assomigliano a dei grandi piatti rovesciati al cui interno si trovano degli ugelli (spruzzatori) rotanti in grado di ottenere risultati davvero interessanti. Potete vedere un esempio di questi piatti nella foto allegata oppure guardando uno dei tanti video presenti in rete.

 

Istruzioni

  1. Sopralluogo per valutare lo stato della superficie;

  2. Individuare la natura e la tipologia dello sporco;

  3. Scegliere il metodo di pulizia "fai da te" o professionale;

  4. Pulizia e finiture

bonifiche

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>