Come rimuovere una vasca da bagno

Oggi ci rivolgiamo a tutti coloro che hanno l’Hobby del fai da te o meglio che preferiscono, magari perdendo un po’ più tempo di un professionista, riparare e costruire le cose da soli. In particolare, finalità di questa breve guida, illustrare i passaggi necessari alla rimozione di una vasca da bagno. Anche se può sembrare un po’ strano, sono molti i motivi per cui si può decidere di rimuovere una vasca da bagno: ad esempio si è rotta oppure vogliamo creare più spazio in bagno e sostituire la vasca (che magari non usiamo) con un box doccia (più funzionale e meno ingombrante), o, infine, vogliamo rimodernare il bagno e sostituire la vasca con un modello più nuovo.

I passi da seguire nella rimozione di una vasca da bagno

Per prima cosa dovremmo munirci di piccone e martello e di molti sacchi in cui andremo a riporre i calcinacci (che andranno smaltiti in apposite aree). Una volta che abbiamo recuperato tutti gli strumenti, passiamo alla fase 2: smontiamo rubinetti e miscelatori presenti perché potrebbero rompersi o comunque intralciare il nostro lavoro.
Siamo pronti ora per rimuovere la nostra vasca, ma prima di iniziare accertiamoci di aver chiuso l’acqua centrale (solitamente la manopola di chiusura dell’acqua centrale è “nascosta” in bagno dietro al wc o al bidè). A questo punto prendiamo il piccone e cominciamo, con l’aiuto del martello, a puntellare tutto il bordo interno della vasca, cioè tutto il bordo della vasca che è attaccato alle mattonelle del muro. Cercate di dosare la potenza delle picconate altrimenti potreste rischiare di farvi male e comunque di ridurre in frantumi la vasca (in questo modo sarebbe molto più difficile togliere tutti i residui!). Dopo aver picconato e “indebolito” la vasca da ogni parte in cui è collegata al muro, cominciate a muoverla (come se voleste staccarla dal muro).
Cosa importantissima, quando si fanno questi lavori bisogna sempre indossare i guanti (le eventuali schegge della vasca da bagno possono divenire lame affilatissime).
Se nell’operazione di rimozione della vasca, tentanto di staccarla dal muro, incontraste  una certa resistenza, non insistete e non operate con la sola forza, meglio comprendere in quale punto la vasca da bagno faccia resistenza e picconate nuovamente in quel punto. Dopo aver ripetuto per un po’ di volte quest’operazione di “indebolimento” della vasca, dovreste essere riusciti a rimuoverla. A questo punto mettetela da parte perché il lavoro non è ancora finito. Bisognerà, infatti, togliere tutti i calcinacci che ci sono sotto la vasca. Ancora una volta vi aiuterete con il piccone e il martello.
Attenzione a non dare colpi troppo violenti, ricordate che sotto la vasca potrebbero passare i tubi dell’acqua e potreste forarli senza accorgervene, creando danni ben maggiori.

Dopo aver tolto tutti i calcinacci, potrete mettere la nuova vasca o il box doccia. Il prezzo per questo lavoro è pari a zero, ma quanta fatica e soddisfazione!!!!

cambiare vasca da bagno

1 comment

Leave Comment
  1. Quando si vuole sostituire la vasca da bagno con una doccia, oltre al risparmio di acqua, si ha un risparmio anche in termini di spazio, che diventa importantissimo, soprattutto in un piccolo bagno , dove è indispensabile sfruttare tutti gli spazi. Ad esempio nell’area in cui si trova la vasca da bagno molto spesso, oltre ad installare la doccia, si può inserire anche lo spazio per la lavatrice. Altro fattore molto importante è la possibilità per una persona anziana di essere autonomo per l’igiene personale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>