Come riconoscere un diamante. Ecco i principali metodi

I diamanti sono l’oggetto del desiderio di tante donne ma è necessario saperli riconoscere per evitare fregature con prodotti di qualità inferiore. Ecco come fare.

 

Istruzioni

  1. Chi si prepara a regalare un diamante ha sicuramente un buon motivo per farlo, si tratta di un oggetto importante e costoso che dev'essere acquistato in maniera attenta e oculata evitando di farsi fregare nella valutazione della sua qualità e purezza. Purtroppo capita spesso che chi si prepari all'acquisto di un diamante non abbia la conoscenze adeguate per distinguerlo da uno zircone e di furbi, purtroppo, il mondo è pieno, pronti ad approfittare per guadagnare cifre importanti su oggetti che valgono forse meno della metà della metà di un diamante.

  2. La pietra che più spesso viene spacciata per diamante è lo zircone, che, a prima vista, si presenta molto simile al diamante, se non identico, e distinguerli ad occhio nudo per chi non è esperto è senza dubbio difficile. Una delle prove che vengono fatte più spesso è quella del vetro, specialmente se la pietra è incastonata in un anello, consiste nello strofinare la pietra su un vetro. La rinomata durezza del diamante, se la pietra è autentica, fa in modo che sul vetro rimanga un graffio più o meno profondo mentre la pietra non subisce il minimo danno; lo stesso non si può dire se si ha a che fare con uno zircone o una qualsiasi altra pietra.

  3. Altro sistema infallibile per riconoscere un diamante di qualità consiste in una prova facilissima che possono fare tutti. Disegnando su un foglio bianco un puntino nero o una riga e posando la pietra con la corona verso il basso (con la punta in alto, per intendersi), se il riflesso del punto o della riga sono chiaramente visibili, si è senza dubbio davanti a un falso diamante, probabilmente uno zircone o un brillante di qualità inferiore. Se, invece, il punto non è visibile o lo è a malapena, ci sono alte probabilità che si tratti di un diamante. Meno si vede il disegno fatto sul foglio maggiore è la qualità della pietra che si sta analizzando. Questo perché il taglio del diamante viene fatto in modo tale che la luce venga completamente riflessa dalla pietra in modo tale che brilli, non che si faccia attraversare. Se il taglio del diamante viene fatto in maniera da non rispettare le proporzioni ideali, allora la perde in qualità e valore.

  4. Anche il peso ha la sua importanza nella valutazione della veridicità di un diamante che, a differenza di quanto molti pensino, non è molto pesante anzi. Ponendolo su una bilancia di precisione si noterà immediatamente la differenza con uno zircone, perché se un diamante da un carato ha un peso di circa 0,2 grammi, lo zircone pesa all'incirca il doppio.

  5. E' un altro sistema infallibile per valutare se si ha tra le mani un diamante vero o uno finto ed è una prova semplicissima. Una delle caratteristiche fisiche principali del diamante è quella di essere uno dei migliori conduttori di calore. Quindi, se ci si alita sopra, non dovrebbe appannarsi, dovrebbe farsi attraversare dal calore. Se si forma la condensa, il diamante è al 99% finto.

valore-diamanti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>