Come riconoscere quando il pesce è fresco

Talvolta capita di voler stupire il proprio partner o un gruppo di amici organizzando una cena a base di pesce, ma una volta giunti al supermercato un dubbio atroce mette in crisi anche i migliori propositi: come riconoscere il pesce fresco pur non essendo esperti in materia?
Per fortuna esistono alcuni piccoli accorgimenti che permettono di distinguere chiaramente il pescato del giorno da quello meno fresco, specialmente quando si tratta di prodotti non confezionati sui quali non ci si può aiutare controllando la data presente sull’etichetta.

 

Istruzioni

  1. Innanzitutto è opportuno verificare l'area di provenienza e accertarsi del fatto che il prodotto non sia decongelato, come accade spesso per molluschi o crostacei. Specie in quest'ultimo caso, quando si acquista ad esempio un astice o un'aragosta, è fondamentale che il crostaceo sia ancora vivo. Se la testa si presenta con delle piccole macchie nere o è parzialmente annerita, significa che il prodotto è stato pescato da molto tempo.

  2. Per quanto concerne i pesci tradizionali invece, testarne la freschezza è molto più semplice di quanto si possa pensare. I pesci appena pescati hanno le squame lucenti: se l'aspetto esteriore tende ad essere opaco, sia che si tratti di un crostaceo, un mollusco o di un pesce comune, è sempre meglio diffidare.

  3. Un'altro elemento determinante è l'occhio, infatti, quando questo appare curvato verso l'esterno è sinonimo di freschezza, mentre uno incavato e opaco denota esattamente il contrario.

  4. Sia le branchie che la coda, inoltre, possono essere molto utili a capire che tipo di prodotto si sta per acquistare: le prime devono avere un colore tendente al rosso, mentre la seconda deve mantenere un colore non dissimile dal resto del corpo. Un coda esageratamente scura o delle branchie tendenti al giallastro possono essere elementi sufficienti a farci desistere dall'acquisto del prodotto.

  5. In ultima istanza sarebbe utile, laddove fosse possibile, verificare la consistenza della carne. Applicando una leggera pressione sul fianco non dovrebbe rimanere alcuna impronta quando il pesce è fresco, mentre quando il pescato risale a qualche giorno prima è possibile che rimanga una traccia visibile sulla pelle. Ad ogni modo bisogna ricordare che il pesce viene considerato fresco entro e non oltre 4/5 giorni dalla pesca.

pesce3

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>