Come riconoscere i sintomi delle carenze di vitamine

La carenza di vitamine porta a squilibri del nostro organismo ed dà sintomatologie differenti a seconda del tipo di vitamina di cui si ha penuria.

La carenza di vitamina A si manifesta con difficoltà di vedere al buio, secchezza oculare e può portare alla cecità. Può anche far perdere l’’olfatto, provocare macchie sulla pelle, rendere la pelle rugosa, provocare stanchezza, ridurre la resistenza alle infezioni, indebolire le unghie ed i capelli.

La carenza può essere causata da alcune malattie che impediscono l’assorbimento di vitamina A, come la colite o la cirrosi, oppure nei casi di ipotiroidismo e diabete; i diabetici infatti non riescono a trasformare il bete-carotene in vitamina A.
Ottime fonti di questa vitamina sono le uova, il latte, la carne, l’’olio di fegato di pesce, le carote e gli ortaggi a foglia.

La carenza di vitamina B si manifesta in vari modi ed in generale può essere causata dall’’assunzione di troppi zuccheri, troppo alcool o carboidrati. Le vitamine del gruppo B sono contenute principalmente nei cereali e nel lievito di birra.
– La carenza di Vitamina B1 o Tiamina provoca stanchezza, inappetenza, disturbi nervosi e cardiaci.
– La carenza di Vitamina B2 o Riboflavina causa dermatiti, un ritardo della crescita e disturbi agli occhi alla digestione.
– Se manca la Vitamina B3 o PP si ha la pellagra che provoca disturbi nervosi e dermatiti, la carenza di Vitamina B5 o Acido pantotenico predispone alle infezioni e causa disturbi gastrici.
– La carenza di Vitamina B9 o Acido folico provoca anemia, stanchezza, disturbi alla digestione e per questo molti prodotti industriali che durante la lavorazione perdono di valori nutritivi e vengono integrati con essa.
– La carenza di Vitamina B8 o Biotina causa dermatiti, conferisce un grigiore alla pelle ed altera il metabolismo.

La carenza di vitamina C provoca anemia, indebolisce le ossa e le gengive ed è causata da una dieta scorretta. Questa vitamina è presente negli agrumi e nei vegetali a foglia verde.

La carenza di vitamina D provoca carie e disturbi allo sviluppo dello scheletro ed ai muscoli causati dalla difficoltà di reintegrare il calcio. La vitamina D’ è presente nei pesci grassi, nel latte, nelle uova e nei vegetali a foglia verde.

La carenza di vitamina E provoca anemia, sterilità e problemi cardiovascolari ma consumando l’’olio d’’oliva si riesce a reintegrarla. Ȓ contenuta nei semi, nei cereali, nella frutta e nella verdura.

La carenza di vitamina K provoca osteoporosi, emorragie nasali, difficoltà a cicatrizzare le ferite. Ȓ presente nei vegetali a foglia verde.

Non è semplice valutare se si ha carenza di una vitamina perché i sintomi causati possono essere interpretati come la presenza di altre patologie.
La cosa migliore è seguire una dieta equilibrata che comprenda tutti i gruppi di vitamine e nel caso di carenza si possono usare integratori.

come-riconoscere-i-sintomi-delle-carenze-di-vitamine

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>