Come riciclare i pastelli a cera

Se avete dei pastelli a cera a disposizione non più adoperabili per disegnare perché spezzati o comunque troppo corti da essere impugnati, non buttateli via. Infatti possono essere riadoperati in vesti del tutto originali evitando così di sprecare materiale ancora utile.

 

Istruzioni

  1. Raccogliete tutti i pastelli a cera non più adoperabili e suddivideteli per colore. Eliminate le fascette di carta che li contengono e poi fateli sciogliere a bagnomaria. Appena si saranno liquefatti potrete trasformarli in candele colorate. Sistemate uno stoppino al centro di un bicchiere oppure in stampini di silicone per cupcake. Versate un primo strato di cera colorata e appena si sarà essiccata procedete con un altro strato che abbia una diversa tonalità. Dopo ventiquattrore togliete le candele dagli stampi e sistematele dove meglio credete. In questo modo dare te vita a una moltitudine di candele della foggia che preferite.

  2. Potete anche adoperare i vecchi mozziconi per creare dei nuovi pastelli. Fateli sciogliere a bagnomaria e poi versateli su una teglia di piccole dimensioni ricoperta di carta da forno. Prima che la cera si raffreddi troppo incidetela con un coltello formando dei bastoncini. Potrete adoperare questi nuovi pastelli a sezione quadrata o rettangolare per colorare le vostre nuove creazioni.

  3. Infine potrete decorare i gusci delle uova di gallina oramai svuotati adoperando la cera colorata sciolta derivata dai pastelli. Immergete le uova una ad una almeno tre o quattro volte nella cera e appendetele affinché asciughino. In un secondo momento potrete appenderle a dei rami secchi sistemati in un vaso per decorare un angolo della vostra abitazione in vista delle festività pasquali.

coloriacera

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>