Come ricaricare il gas del condizionatore di casa

Le opzioni per ricaricare il condizionatore di casa sono due: rivolgersi ad un servizio efficiente e garantito o effettuare le operazioni con materiali da ferramenta e metodi “fai da te”.

Qualora si prediliga questa seconda soluzione, è opportuno sapere come esistono in commercio semplicissimi kit da utilizzare per ricaricare il proprio condizionatore. Generalmente sono molto semplici da usare: basta collegare il tubo flessibile all’unità esterna, leggere il manometro e procedere alle operazioni di ricarica.
I vari kit comprendono una bombola di gas, una “frusta” Sae collegata ad un rubinetto e un manometro a settori.

Queste pratiche bombole sono state studiate per sopperire al malfunzionamento del condizionatore.
Basta collegare il terminale della manichetta flessibile all’attacco della motocondensante (macchina esterna) e dopo qualche minuto sarà facile ed intuitivo rilevare la situazione dell’impianto dal gruppo manometrico.
Le fasce colorate della scala manometrica corrispondono a situazioni di impianto troppo carico, carico, scarico e così via, situazioni che si possono “aggiustare” erogando gas refrigerante. Quando l’indicatore del manometro si stabilizzerà sull’esatta quantità di gas necessario l’operazione di manutenzione “fai da te” sarà terminata.

Non bisogna dimenticare però che queste macchine necessitano di manutenzione costante e periodica come la pulizia dei filtri, dei componenti meccanici e dei processori e non è sempre facile farlo da soli, a meno che non si abbia una preparazione specifica in materia.
Infine, è bene sapere che un errore potrebbe significare costi maggiorati e potrebbe costringere alla sopportazione del caldo afoso fino all’intervento di un tecnico specializzato. Comunque un impianto malfunzionante significa consumo energetico maggiorato.
Essendo diventati gli impianti refrigeranti di uso comune, esistono moltissime aziende che offrono contratti annuali di interventi di manutenzione e controllo.

Una buona cura dei condizionatori garantisce una buona qualità dell’aria e forti risparmi in termini energetici.
Tali contratti riportano generalmente il prezzo, la durata e gli interventi da eseguire periodicamente. Le modalità di erogazione del servizio comprendono interventi sulle unità esterne e sulle unità interne.
E’ consigliabile comunque pulire i filtri ogni due settimane, durante i mesi di utilizzo, con acqua e detersivo neutro.

gas

7 comments

Leave Comment
  1. agostino

    e’ semplice anche l’installazione,il vuoto con la pompa e l’aggiunta refrigerante anche con attrezzature professionali.Non dimentichiamo che ormai siamo quasi tutti diplomati,mentre gli installatori normalmente hanno uno studio tecnico solo professionale.Per le attrezzature se avete passione andate sul sito SAMASTORE.IT resta evidente che se non avete passione lasciate stare,come tutte le cose.L’IMPORTANTE E’ NON FARSI INTIMORIRE CON STATE ATTENTI CHE,ecc ecc,come dal resto tutte le installazioni,ripeto se non avete passione allora lasciate perdere….

    • luca

      Perfetto dato che possiede un diploma… mi sa dire che differenza di temperatura ci deve essere tra la bassa pressione e l’alta pressione per avere una quantita di gas refrigerante perfetta? Grazie

  2. LUIGI

    CIAO, VOLEVO FARTI UNA DOMANDì?
    IO SIA LA POMPA DEL VUOTO CHE I MANOMETRI, QUANDO COLLEGO LA BOMBOLA DEL GAS ALL’UNITA ESTERNA ED APRO IL GAS COME FACCIO A SAPERE QUANDO A FINITO DI CARICARE IL GAS?
    LO VEDO SUL MANOMETRO?
    A VHE PRESSIONE MI DEVO FERMARE?
    GRAZIE IN ANTICIPO.

  3. Randista

    Ho una domanda tecnica da chiedere, ho uno splitting canalizzato con l’attacco del manometro su tubo di mandata devo aggiungere del gas,la macchina funziona solo in freddo come risolvo? Grazie anticipatamente a voi

  4. la carica rispondo a Randista si esegue sempre e solo a macchina spenta collegando la bombola e tenendola a testa in giu (carica liquida) e controlli la quantita di gas “questo vale anche per rispondere a Luigi” con una bilancia quaslsiasi da kilo logicvamento. ps se il gas non passa scaldare con un fon la bombola meglio se la si tiene al sole una mezzora prima dell’operazione

  5. Maurizio

    Ho un manometro roterbergen con due manometro uno rosso e uno blu con quale dei due devo fare la misura. In uno il rubinetto è con la scritta low lato blu l’altro con la scritTa hight lato rosso

  6. antonio

    qualcuno mi sa dire se e’ normale che il mio condizionatore dopo circa un ora si ferma e poi riprende a funzionare sul riscaldamento? attendo qualche risposta. grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>