Come registrare un prodotto con il marchio CE

Il marchio CE è il sigillo che permette l’esportazione di un prodotto nei Paesi che fanno parte dell’Unione Europea e attesta che tale prodotto possiede i requisiti tecnici imposti dalla legislazione europea. Ma come si ottiene la marcatura CE?
Cominciamo col dire che non è un contrassegno che riguarda la qualità del prodotto, ma ha l’obiettivo di tutelare la salute e la sicurezza di chi lo utilizza. Innanzitutto è necessario preparare un fascicolo tecnico che servirà a dimostrare che un prodotto rispetta tutti i requisiti richiesti. Ad essere responsabile della conformità è soltanto il produttore. La procedura per ottenere il marchio è differente fra distributori, importatori e produttori.

 

 

Istruzioni

  1. il punto di partenza è l'identificazione dei requisiti stabiliti dall'Unione Europea, che variano a seconda del tipo di prodotto; le direttive sono differenti tra sostanze chimiche e dispositivi medici, oppure fra attrezzature meccaniche e prodotti farmaceutici. Occorre dunque informarsi prima con attenzione in base al tipo di prodotto per il quale si vuole richiedere il marchio. Le direttive fornite dall'UE indicano i requisiti essenziali da soddisfare. Poi ci sono i requisiti tecnici che sono definiti dalle norme europee (quelle finora pubblicate sono all'incirca 20 mila).

  2. Il secondo passo è verificare se un determinato prodotto rispetta tutti i requisiti tecnici. Se le norme vengono seguite durante il processo di produzione, il prodotto verrà considerato automaticamente conforme alle direttive.

  3. A questo punto bisogna accertare se il prodotto debba essere testato da un'autorità nazionale indipendente.Alcune tipologie di prodotti, infatti, necessitano di una verifica da parte di autorità denominate "organismi notificati", che hanno il compito di assicurare che vengano rispettati i requisiti tecnici. Si tratta di una verifica non obbligatoria per tutti i prodotti. Per controllare il giusto organismo notificato da contattare è possibile consultare la banca dati "Nando".

  4. Nel caso il prodotto non abbia bisogno del controllo da parte di un'autorità indipendente, è compito del produttore esaminare la totale conformità ai requisiti tecnici. Nello specifico bisogna porre l'attenzione sui rischi, ed eventualmente segnalarli, che si corrono utilizzando il prodotto.

  5. E' il momento di preparare il fascicolo tecnico: al suo interno dovranno essere presenti tutti i documenti che attestano che il prodotto soddisfa appieno i requisiti richiesti.

  6. L'ultimo passo consiste nell'apporre il marchio CE sul prodotto, assicurandosi che esso sia "visibile, leggibile e indelebile". Se nel corso delle verifiche si è reso necessario l'intervento di uno degli organismi notificati, bisogna apporre sul prodotto anche il marchio di identificazione dell'organismo coinvolto.

  7. Va redatta, infine, la dichiarazione di conformità CE che deve essere poi firmata. Tale dichiarazione attesta che il prodotto soddisfa tutti i requisiti richiesti dalla legge. Ha validità per tutti i prodotti commercializzati all'interno dell'Unione Europea, ma che possono essere realizzati anche al di fuori dei suoi confini.

ominoCE

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>