Come realizzare una sceneggiatura vicente

Può sembrare un sogno irrealizzabile, ma con un po’ di pianificazione opportuna, nulla è impossibile. Ecco una semplice guida che indica alcuni passi fondamentali per organizzare il lavoro che potrebbe permettervi la realizzazione dei vostri sogni.

 

 

Istruzioni

  1. Partire con l'attitudine giusta: Per partire con l'attitudine giusta, va ricordato che i produttori sono interessati a buone idee e a concetti, piuttosto che a pagine e pagine di sceneggiature elaborata. Per questo motivo, l'impostazione ideale del lavoro deve prevedere un'idea di base dalla quale partire, ed una presentazione che comunichi l'idea in modo breve e semplice, magari riassunto. In questo modo, un produttore sarà sicuramente più interessato ad approfondire una sceneggiatura. Ricevendo un testo, per quanto elaborato e di buona qualità, di moltissime pagine, che non sia dotato di un abstract o di un'introduzione, molti produttori potrebbero rifiutare una sceneggiatura prima ancora di averla letta.

  2. Il trattamento: Un trattamento è un breve riassunto di una sceneggiatura, che serve ai produttori per valutare se affrontare in seguito la lettura o l'acquisto di una sceneggiatura integrale. Un trattamento ben organizzato includerà il titolo dell'opera, la canaletta (una o due frasi ad effetto che descrivano il concetto base) ed una descrizione della trama. Considerate il trattamento come un'importante strumento promozionale, pienamente di marketing, finalizzato a vendere la sceneggiatura. In altre parole, si tratta della vostra stessa pubblicità, e dovrà invogliare i potenziali clienti ad acquistare ciò che gli state offrendo.

  3. Scegliete un buon titolo che funzioni: si tratta della prima impressione suscitata dalla vostra sceneggiatura, e che quindi dovrà incuriosire il lettore, magari giocando sull'immaginario del lettore, o tirando in ballo personaggi o situazioni che suscitino interesse. Anche la Canaletta dovrà essere efficace: si tratta del vostro "claim" che, insieme al titolo. sarà determinante nel suscitare interesse al primo impatto.

  4. Per quanto concerne la descrizione della trama, o sinossi, dovrete mantenere un numero di pagine molto limitato (non più di 7-8, ma non meno di 3), dove riassumerete quello che avviene nella vostra sceneggiatura. Sottolineate con particolare attenzione i punti più importanti della trama: ricordate che ogni sceneggiatura deve mantenere una sua continuità.

  5. Rimanere tutelati: Nel mandare la tua opera al maggior numero possibile di produttori, non dimenticare di tutelarla! Dovrai conservare tutte le email in cui la diffondi, tutti i numeri di telefono ed i nomi di chi la dovesse ricevere, prevenendo da subito spiacevoli evenienze che non sempre vengono previste al momento di mandare la propria sceneggiatura ad un eventuale produttore.

  6. Fare ricerche: Cercare su internet tutti i possibili acquirenti di una scenografia per poi farne una lista utile, anche in base al tipo di prodotto che proponete, è un ottimo modo per trovare clienti.

corso di sceneggiatura torino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>