Come realizzare una procura a vendere

La legge italiana consente, attraverso specifici istituti giuridici, la possibilità di un soggetto di trasferire ad un altro soggetto, per suo nome e conto, la facoltà di incardinare un negozio giuridico, tra questi figura la procura a vendere.

La procura a vendere è un atto giuridico che prevede che un soggetto, detto mandante o rappresentato, conferisce ad un altro soggetto, detto mandatario o procuratore, il potere di agire, e nel caso specifico che qui si affronta, di vendere un bene mobile o immobile, trasferendone gli effetti direttamente in capo al mandante.
Si tratta di una procura speciale, ossia di un atto giuridico nato espressamente per portare a compimento una determinata vendita, a differenza della procura di tipo generale che prevede il trasferimento, da rappresentato a rappresentante, della più ampia sfera d’azione comprendente ogni settore giudico.

 

 

Istruzioni

  1. Poichè la procura a vendere è un atto che prevede l'autorizzazione ad eseguire un negozio a ministero di un'altra persona, è essenziale che tra le parti esista un rapporto fiducia che, anche se non richiesto dalla legge, rappresenta comunque un requisito fondamentale per il raggiungimento dell'obiettivo prefissato.

  2. Inoltre, trattandosi di un atto che cessa di esistere per morte o incapacità di una delle parti, fallimento o per revoca, che deve essere formalizzata davanti a Notaio, quale Pubblico Ufficiale competente in materia, è agevole pensare come siano rilevanti i rapporti personali tra i contraenti perchè è proprio dalle situazioni trasparenti che prendono vita i contratti più vantaggiosi per entrambe le parti.

  3. Per potere stipulare una procura a vendere che abbia efficacia tra le parti è necessario recarsi dal Notaio e sottoscrivere un atto, utile per l'autorizzazione a svolgere tale funzione in nome e per conto del mandante da parte del mandatario, che abbia in sè tutte le informazioni necessarie riguardanti le parti e il negozio giuridico che si intende realizzare.

  4. All'interno dell'atto devono essere inserite innanzitutto le generalità delle parti, nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, codice fiscale, inoltre deve essere esplicato il tipo di negozio intercorrente tra le parti e il tipo di bene che il rappresentante è autorizzato a vendere per conto del rappresentante e le varie, eventuali clausole.

  5. Una volta redatto il documento, questo deve essere sottoscritto, in presenza di testimoni, dinnanzi al Notaio, ogni parte ne conserverà una copia per tutta la durata dell'incarico.

  6. A questo punto il procuratore, una volta svolte le formalità potrà effettuare la vendita in questione, corrispondendo i proventi al mandante che si impegnerà a conferire il suo compenso. Una volta terminata l'operazione, il rappresentante restituirà l'atto, precedentemente sottoscritto tra le parti, e il contratto risulterà compiuto.

come-vendere-un-immobile-con-procura-speciale_a5bd93487373afd806a545382c9e36cd

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>