Come realizzare una perfetta fotografia still life

La fotografia still life può essere definita come la trasposizione fotografica del genere pittorico della natura morta. Occorre una tecnica particolare per rappresentare gli oggetti inanimati, ecco come fare.

 

Istruzioni

  1. Le foto still life attraggono sempre un grande numero di appassionati di fotografia, che amano cimentarsi nello studio delle luci e delle composizioni utilizzando gli oggetti inanimati dei più svariati tipi. Il segreto di questo genere di fotografia è quello che tutti gli oggetti devono essere decontestualizzati dall'ambiente ed essere fotografati con sfondi neutri. Non deve esistere una composizione coerente tra soggetti e location, anzi, devono essere completamente disconnessi perché i protagonisti assoluti delle fotografia devono essere solo e soltanto gli oggetti, nient'altro. Per questo motivo, per rendere una fotografia still life perfetta, occorre necessariamente che venga realizzato un progetto, uno studio completo dello scatto: non si può improvvisare una fotografia di questo tipo.

  2. Lo scopo della fotografia still life è quello di rappresentare, o di tentare di rappresentare, una realtà assoluta attraverso oggetto comuni e inanimati, presenti nella vita di tutti i giorni, esaltandoli ma mantenendo comunque un punto di vista oggettivo degli stessi.

  3. Prendendo un oggetto a caso come una pentola e fotografandolo nel suo ambiente abituale, quindi una cucina con altri oggetti intorno, senza prestare cura alle luci ma accontentandosi di quella che c'è, dal momento che magari è anche buona per una foto, la foto che risulta è lontana da una rappresentazione reale, perché sulla pentola ci saranno i riflessi. Nell'idea comunque, invece, una pentola è lucida e argentea, senza nessun riflesso ma, soprattutto, tridimensionale.

  4. Per ottenere l'immagina voluta, occorre giocare sulle luci. Ovviamente, bisogna focalizzare l'attenzione sulla luce principale che, anche se supportate dalle altre, sarà quella che determina la riuscita dello scatto, perché ha il compito di elevare alla perfezione la parte dell'oggetto su cui si vuole focalizzare l'attenzione dell'osservatore. Non dev'essere dura ma morbida, per sembrare naturale e deve creare una sola ombra.

  5. Bisogna, poi, sistemare le luci secondo una logica precisa, perché l'oggetto dev'essere illuminato dal basso, da entrambi i lati, dall'alto e dal frontale ma bisogna anche organizzare una luce per il controluce. Soprattutto l'illuminazione laterale risulta essere particolarmente utilizzata perché è capace di garantire una buona resa dello scatto mentre il controluce è un'illuminazione d'effetto. Bisogna, inoltre, attrezzarsi per fare in modo di avere sia luci diffuse che luci concentrate, per ottenere diversi effetti di illuminazione.

  6. Per trovare, poi, lo scatto giusto, non resta che cimentarsi e scattare un gran numero di foto a una stessa composizione per scegliere, poi, quella che a insindacabile parere del fotografo è la migliore.

fruit still life_4b97e566d8dff_hires

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come seguire un corso di fotografia a distanza | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>