Come pulire pettini e spazzole

Uno dei saggi consigli della nonna per avere capelli perfetti e lucenti è sempre stato quello di dare ogni sera, prima di andare a dormire, cento colpi di spazzola.
Oggi abbiamo imparato che forse quei colpi di spazzola sono un pò troppi e rischierebbero di stressare ed indebolire le nostre chiome.

Quello che è certo però, è che spazzole ed i pettini sono alleati della nostra bellezza e come tali vengono usati quotididianamente, prima e dopo esserci lavate i capelli e più volte al giorno, per districare i nodi, dare volume alla capigliatura o semplicemente aggiustare la piega.

 

Come avere spazzole e pettine sempre pronte per l’uso

Spazzole e pettini andrebbero pertanto periodicamente puliti: c’è chi consiglia un trattamento di pulizia almeno una volta alla settimana.
I nostri capelli infatti, se non sono freschi di lavaggio, tendono ad accumulare residui di sporcizia, dovuta al sebo della cute, alla forfora, ma anche a residui di lacca, gel, o schiume, smog, fumi da cucina ecc. Quando i nostri capelli rimangono inevitabilmente tra i denti di un pettine o tra le setole della spazzola, questi oggetti tenderanno ad accumulare lo sporco che immancabilmente è destinato a ritornare sui nostri capelli.

Per interrompere questo circolo vizioso ed evitare che spazzole e pettini diventino un ricettacolo di sporco e batteri dovremmo preoccuparci di curare la loro pulizia in modo costante ed accurato ricorrendo a prodotti igienizzanti ed adeguati di uso comune.

Per prima cosa, occorre rimuovere i capelli e la polvere che si sono accumulati nelle spazzole e nei pettini. Per il pettine questa operazione sarà piuttosto semplice e veloce, mentre i capelli impigliati tra le setole di una spazzola possono essere molto scoraggianti. Quante volte di fronte ad una spazzola piena di capelli ci è venuta la tentazione di comperarne una nuova? In realtà liberarla dai capelli è più facile di quanto non si creda: o si utilizza un pettine a denti fini; oppure le setole della spazzola possono essere pulite con un pettine a denti fini, oppure si potranno comperare al supermercato o su internet degli utensili pulisci spazzola che dispongono di di “lunghi artigli” semi-flessibili che, intercalandosi tra le setole della spazzola, riescono a togliere i vecchi capelli.

I pettini normali, quelli di plastica o legno, possono essere lavati o con lo stesso shampoo o con un sapone neutro: basta lasciarli a bagno con acqua in uno di questi due prodotti per un’oretta. Se il pettine ha denti sottilissimi potrebbe essere utile passare tra un dente e l’altro il filo interdentale.
Il discorso si complica un poco quando si deve pulire la spazzola: in questo caso anche la spazzola si può lavare con sapone neutro o shampoo ma è utile utilizzare uno strumento con delle setole, come ad esempio uno spazzolino o un pulisci unghie. A fine procedimento lasciare asciugare la spazzola al sole oppure utilizzare un phon perchè qualche residuo di acqua potrebbe essersi annidato nella gomma.

Se si vuole anche disinfettare il pettine e la spazzola dopo averli puliti, è utile preparare in una bacinella un composto di acqua e due cucchiai di bicarbonato, a cui aggiungere anche qualche goccia di olio essenziale di tea tree. Le spazzole ed i pettini vanno lasciati in ammollo per 30 minuti e dopo risciacquati con cura e fatti asciugare.
Alla fine del trattamento saranno perfettamente puliti e pronti per assisterci ancora in mille pettinature!

come-pulire-pettini-e-spazzole

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>