Come proteggere il computer con le “Aree protette (“Sandboxes”)

A tutti sarà capitato di cercare un programma per svolgere un compito e…di averne trovati mille e più. Cosa si fa in questi casi? La cosa migliore è testare il programma. Ciò, però, vuol dire installare e disinstallare, lasciando delle tracce nel registro di Windows. Il computer, a suon di prove ripetute, dopo un po’ ne risentirà e mostrerà degli evidenti rallentamenti. Per fortuna possiamo evitare questo problema grazie alla tecnica del “Sandboxing” che crea come una bolla isolata dal sistema nella quale potere eseguire i programmi di test, quelli dei quali non conosciamo l’affidabilità e…persino il nostro browser. In tal modo, se anche incontrassimo un virus durante la navigazione, basterebbe solo cancellare l’area protetta per riavere un sistema totalmente pulito.

 

Istruzioni

  1. Il programma principe, in tale ambito, è “Sandboxie” (http://bit.ly/1jfTNbm). Dopo averlo scaricato, in fase di installazione, il programma richiederà di scaricare un driver ad hoc sul nostro computer: accettiamo e procediamo oltre, avendo cura di disabilitare temporaneamente i tool che monitorano i processi del sistema (es. ProcessExplorer o anche gli antivirus).

  2. Sandboxie ci mostrerà una finestra vuota: è l’area virtuale nella quale verranno visualizzati i programmi che eseguiremo.

  3. Per avviare un qualsiasi programma o aprire un qualsiasi file nell’area protetta di Sanxboxie, basta selezionarlo col tasto destro e, tra le voci del menu contestuale, scegliere “Avvia nell’area virtuale”. A questo punto possiamo provare il programma o navigare.

  4. Dopo aver concluso le nostre attività, dalla finestra di Sandboxie, basterà selezionare la riga del programma in esecuzione e scegliere, dal menu contestuale, “Cancella contenuto”. Attenzione: se abbiamo scaricato un file col browser eseguito nell’area protetta, dovremo prima recuperarlo e salvarlo sul pc “fisico”. In caso contrario, cancellando l’esecuzione del browser dall’area protetta, cancelleremmo anche tutti i file che, con esso, abbiamo scaricato!

  5. Più semplice ma con meno opzioni e versatilità è “Toolwiz Time Freeze” (http://bit.ly/1fLUHsw) che permette di creare un’area protetta semplicemente avviandolo. Da quel momento tutto ciò che faremo, installazione di programmi, visita di siti potenzialmente insicuri, download di file sconosciuti, avverrà in un’area protetta.

  6. Per annullare tutte le modifiche al sistema, basterà semplicemente scegliere il comando “Turn off the protection and drop all changes” e riavviare Windows (dopo aver salvato su una periferica esterna ciò che ci interessa). Se, parimenti, vogliamo salvare i cambiamenti fatti, possiamo scegliere la voce “Turn off the protection and save all changes” per accettare, al successivo reboot, tutte le prove o le azioni compiute nel frattempo. Buoni esperimenti!

Sandbox-illo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>