Come prevedere e gestire le mestruazioni con Calendario Mestruale

Lo smartphone, specie se elegante, è diventato un amico inseparabile delle donne di oggi. Poteva non essere utilizzato per esigenze tipicamente femminili? Certo che no!
In questa guida conosceremo alcune applicazioni che aiutano le donne a prevedere e gestire un periodo molto delicato della loro fisiologia, le mestruazioni.

 

Istruzioni

  1. La prima app da tener presenti è "Calendario Mestruale" (http://goo.gl/to8fCz). Ad installazione conclusa, l'applicazione aprirà la finestra delle applicazioni: qui andranno inseriti dati come la durata del ciclo, la durata del periodo, l'occorrenza dell'ultima mestruazione.

  2. Ultimata questa fase preliminare, Calendario Mestruale chiederà su quale cyberlocker eseguire il backup (Dropbox o GDrive): in seguito un simpatico animaletto comunicherà le date delle prossime 2 mestruazioni.

  3. Alla voce "Calendario" sarà possibile visionare l'elenco stimato di tutte le date mentre in "Log" sarà possibile ritarare le previsioni correggendo la data d'inizio e di fine del problema. In "Aggiungi nota" sarà possibile aggiungere dati di corredo al ciclo (inizio, fine, perdite, sintomi, peso, temperatura).

  4. Da notare, poi, che Calendario Mestruale, oltre a sospendersi quando si è incinte, consente anche di prevedere- appunto - il periodo dell'ovulazione per avere la certezza, o quasi, di avere un bambino.

  5. Infine la componente social. Con Calendario Mestruale, infine, si potrà condividere la propria "storia fisiologica" con le amiche e scambiare pareri e ricevere consigli grazie al forum (italiano ed inglese).

unnamed

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Sintomi tipici da carenza di magnesio e conseguenze sulla salute | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>