Come ottenere i ratei maturati e quelli che non sono stati riscossi

Dopo il decesso di un pensionato a maggior ragione se è un parente stretto, c’è la possibilità di ottenere da parte degli eredi i ratei maturati ma non ancora riscossi; di seguito vi riportiamo la procedura per ottenerli che non è difficile ma deve essere fatta in tempo.

 

 

Istruzioni

  1. Visto che gli eredi del soggetto possono essere più di uno, se è uno solo ad occuparsene deve avere una delega scritta valida da parte di tutti gli altri (ovviamente questa richiesta può essere fatta solamente nel caso in cui non ci sia il coniuge del titolare della pensione); assolutamente necessario inoltre munirsi dello specifico modulo "Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi".

  2. Una volta raccolti tutti i documenti necessari ci si deve recare all'ufficio INPS e in quel momento verranno fatti i dovuti calcoli per capire l'ammontare della cifra alla quale va sottratto il 23% circa che l'ente trattiene per le imposte; la richiesta può essere fatta da uno o più eredi contemporaneamente, il modulo può essere infatti direttamente scaricato dal sito dell'INPS mentre la delega deve essere firmata anche da tutti gli altri eredi.

  3. Dopo aver scaricato il modulo bisogna aprirlo e inserire prima di tutto il numero di riferimento dell'Ufficio INPS competente nella zona dove viene effettuata la richiesta e nei campi "Dati del richiedente" e dopo "Richiedo il pagamento delle rate di pensione non riscosse" è necessario inserire tutti i dati anagrafici del titolare della pensione.

  4. Il successivo passo è quello di indicare se si è l'unico suo erede oppure in che percentuale lo si è insieme ad altri.

  5. Se esiste anche un testamento bisogna indicarlo nell'apposita sezione del modulo per poi allegarne una copia a tutta la documentazione.

  6. Non si deve assolutamente dimenticare di inserire anche tutti i dati necessari per effettuare l'accredito su conto corrente (che siano coordinate bancarie oppure postali), ma poi sarà compito dell'erede suddividere la somma ricevuta fra tutti gli altri eredi.

  7. Nel caso in cui invece ci sia stata rinuncia dell'eredità entro sei mesi dalla morte del titolare della pensione, non può essere fatta alcun tipo di richiesta e i ratei che non sono stati riscossi risultano estinti.

  8. Per quanto riguarda invece i tempi di liquidazione nei confronti degli eredi, bisogna dire che sono abbastanza lunghi fino ad un massimo di 3 anni e può essere fatto un sollecito solamente nel caso in cui gli eredi si trovino in situazione di necessità; la prescrizione per i ratei maturati ma non riscossi è di 5 anni e resta poi in sospeso per tutti i giorni che sono necessari per portare a termine l'aspetto amministrativo della richiesta (fino ad un massimo di circa 300 giorni).

inps

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>