Come organizzare i compiti del vostro bambino

“Li faccio dopo. Sono pochi ce la faccio.”
Con questa frase di solito i bambini cominciano il loro week end : “Mamma non ti preoccupare, faro’ tutti i compiti”. Ed ecco che il week end , che potrebbe essere tempo prezioso da passare insieme in tutta serenita’ , diventa cosi’ rapidamente un vero e proprio incubo. Molte mamme e papa’ corrono dietro i loro figli ricordando loro che i compiti sono importanti, che dovrebbero pensarci da soli …etc.etc…ed invece si arriva la sera della domenica a litigare perche’ i compiti non li hanno nemmeno iniziati.
I compiti per i bambini, soprattutto delle elementari sono importantissimi.
E’ qui che si crea la preparazione di base, le fondamenta che li accompagnera’ per la loro futura carriera scolastica.
Innanzitutto, per poter trasmettere amore per lo studio e per l’impegno
scolastico, bisogna in anche mostrarsi pieni di interessi e di passione per la cultura. Quindi, anche noi grandi ogni tanto, dovremmo lasciar perdere tele e pc e farci vedere con un libro in mano dai bambini, un atlante e delle belle riviste. Questo facilitera’ il loro attaccamento allo studio senza bisogno di parole e prediche.
Un buon genitore, inoltre, dovrebbe essere attento allo svolgimento dei programmi , cercando di prefissarsi quotidianamente l’onere di sfogliare i quadernoni, discutendo con i propri bambini di dubbi e chiarimenti. Questo permettera’ anche di poter controllare quotidianamente il rendimento dei piccoli evitando brutte sorprese
nel momento del colloquio con i genitori. Una volta controllato, si procedera’ poi all’inizio dei compiti assegnati, prediligendo le materie nelle quali si hanno piu’ difficolta’. Se un bambino e’ piu’ portato per la matematica che per l’italiano, farlo cominciare proprio dai compiti d’italiano. Questo perche’ se si superano le difficolta’ piu’ grandi, poi il resto sembrera’ una passeggiata.
E’ una buona idea sedersi vicino al bambino, garantendogli pero’ la giusta autonomia.Evitare l’invadenza. Magari si puo’ leggere un libro , lanciando sempre un occhio ai loro bisogni. Naturalmente, la postazione dove farglieli svolgere, deve essere comoda e molto ben illuminata. Assolutamente, la televisione deve essere spenta. Tassativo in quanto i bambini tendono a distrarsi facilmente.
Concedergli tutto il tempo che ci vuole senza mai mettere fretta a causa di altri impegni . In questo momento, come ho gia’ detto, soprattutto alle elementari, bisogna mettere le basi. Quindi anche se il bambino si distrae, bisogna armarsi di pazienza ed aspettare.
Ultime ricerche hanno dimostrato che chi studia bene , es. la matematica, trova meno difficolta’ a gestirsi durante tutto l’arco della sua vita.
Ricordarsi, se si fanno di pomeriggio, che la merenda va posticipata dopo i compiti. Potrebbe essere una causa di distrazione.
Cercare di creare intorno al bambino che sta svolgendo i compiti un clima tranquillo, modulando la propria voce ed evitando rumore.
E poi soprattutto puntare a rafforzare l’ autostima, rafforzandoli con complimenti al raggiungimento degli obiettivi.

Come organizzare i compiti del vostro bambino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>