Come navigare nel DeepWeb

Secondo alcune statistiche, il web nel quale ci muoviamo, rappresenterebbe solo il 4% del totale. Un’ulteriore percentuale è rappresentata da tutto quanto non viene indicizzato da Google (il “Bergie web”) ma la maggior parte delle informazioni sono relegate nel “Deep web”, la parte segreta da internet usata spesso dagli attivisti per condividere i loro documenti segreti e le loro rivelazioni e, purtroppo, usata anche per traffici di dubbia eticità. In questa guida vedremo come accedere al web segreto per ammirare, a scopo puramente didattico ed informatico, la parte sommersa di quell’iceberg che chiamiamo “Rete delle Reti”.

 

Istruzioni

  1. Per prima cosa ci occorre un browser che sia abilitato a navigare nel “Deep web”: affidiamoci a “T.O.R Browser Bundle” (TOR sta per “The Onion Router”) che ha consentito, in più di un caso, di aggirare le censure telematiche in Stati a basso tasso di democrazia. Possiamo reperirlo nel sito del progetto omonimo (https://www.torproject.org/projects/torbrowser.html.en). Da notare che, con un browser "normale", tutti i siti ".onion" risultano irraggiungibili.

  2. Il file scaricato è una versione portable, modificata di Firefox: le implementazioni consentono di navigare attraverso dei proxy che fanno rimbalzare le richieste di informazioni attraverso vari server posti qui e lì nel Mondo. Il tutto con la finalità di occultare l’IP (identificativo numerico) del computer dal quale parte la richiesta (cioè noi).

  3. Con questo browser e con la sicurezza di una navigazione criptata, dobbiamo cercare un motore di ricerca per siti “.onion” (la cipolla è un’altra delle metafore che indicano i vari livelli del web): ad es. “TorCh” (http://xmh57jrzrnw6insl.onion/).

  4. Una volta sulla homepage di questo motore di ricerca, possiamo cercare informazioni poco note o anche uno strumento per scambiare informazioni riservate, magari una “TorBox mail” (http://torbox3uiot6wchz.onion/signup-en.php), o una “AnonymooseChat” (http://c2hluuzwi7tuceu6.onion/).

  5. Infine, è possibile individuare dei “DarkNetMarkets” ove comprare con tanto di BitCoin, la nota moneta virtuale, prodotti di ogni tipo da venditori la cui reputazione, come in Ebay, viene quantificata tramite feedback.

ice_1311687

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>