Come gestire Spotify con il redivivo Winamp

Un tempo, prima che il mondo dei mediaplayer fosse fagocitato dall’onnipresente VideoLan, a consentirci di ascoltare le nostre playlist era il mitico e spartano “Winamp“. Il programma, purtroppo, non è stato al passo con i tempi ed è stato cancellato. Chi, tuttavia, avesse nostalgia di quel sw cosi indicato nel fare, e bene, una sola cosa, potrà ritrovarlo – risorto a nuova vita – grazie al progetto “Spotiamp“.

 

Istruzioni

  1. "Spotiamp" (http://bit.ly/1mVVEHf) consente di usare la maschera di Winamp per ascoltare le playlit che abbiamo creato su Spotify il famoso servizio online di streaming musicale.

  2. Per procedere, dobbiamo aver registrato preventivamente un account premium, e non semplicemente free, su Spotify (http://spoti.fi/1knrZqm):per fortuna la spesa non è esorbitante e consta in soli 9.99 euro mensili.

  3. Espletata questa fase, possiamo scaricare dal sito del progetto la versione di "Spotiamp" più adatta alle nostre esigenze (versione con installer o portable).

  4. Scaricato ed avviato Spotiamp, sarà necessario loggarsi con le credenziali di Spotify Premium e scegliere la lingua dell'interfaccia. Successivamente, scegliendo una playlist, ne vedremo comparire le canzoni nell'area di listing delle medesime: selezioniamone una e giochiamo sui parametri dell'equalizzatore in modo da abbinare acustica a genere musicale.

  5. Da notare, infine, che il programma in oggetto ha anche un'interessante funzione di Radio tuning che ci permetterà di scegliere ed ascoltare quelle radio che siano sbarcate anche sul web con la diretta delle loro trasmissioni e delle loro rotazioni musicali. Buon ascolto in stile retro!

spotiamp-winamp-arayüzü-590x250

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>