Come fare una balestra

Ecco alcuni consigli per realizzare una balestra. Innanzitutto, la prima cosa da considerare è quella di scegliere se si vuole creare una balestra reale o un modellino: decidere, cioè, il grado di realisticità dell’’oggetto in questione e conseguentemente il tempo che vogliamo impiegare per costruirlo.

Come costruirsi da soli una balestra

Si può iniziare, comunque, intagliando da un tronco di albero di rovere un pezzo di fusto. Si tratta, è bene precisarlo, di un compito non semplicissimo da svolgere a mani nude e, se possibile, sarebbe meglio ricorrere all’’ausilio di macchinari e attrezzi specifici. Per l’arco, invece, si potranno usare due doghe da rete ortopedica, cioè due semplici doghe del letto, di lunghezza differente. Esse dovranno essere congiunte attraverso due semplici fascette di acciaio, che saranno state avvitate solo su una doga. Infatti l’’altra doga deve poter scorrere quando si flette. Al centro delle doghe, poi, si realizza il foro per la freccia.
Per quanto riguarda l’’operazione di fissaggio dell’’arco, è sufficiente creare un incavo di misura lungo il fusto, e incastrarlo, magari ricorrendo a un pezzo di gomma per fare spessore. A questo punto, passiamo a collegarlo al resto con l’’aiuto di alcuni bulloni.
Per la corda, infine, possiamo usare qualsiasi filo, anche un filo del freno di una bicicletta.
Ovviamente nel caso di balestre realizzate in maniera così artigianale si fa un po’ più di fatica a calibrare e a tirare rispetto a una balestra professionale comprata in negozio.

Ricapitolando, comunque, il primo passo da compiere consiste nell’’avere bene in mente che tipo di strumento abbiamo intenzione di realizzare, il materiale che abbiamo a disposizione, quanto tempo siamo disposti a utilizzare per costruirlo. Detto ciò, dobbiamo passare a scegliere il materiale. Oltre al metodo descritto in precedenza, potremo usare, per esempio, una corda piuttosto resistente e ferro in alternativa al legno. Ricordiamo che esistono diversi modelli di balestra, da quello a piè di capra alla balestra francese. Sarà importante, possibilmente, lavorare tenendo sempre a fianco la fotografia o l’’immagine di una balestra già costruita, in modo da avere sempre sott’’occhio un punto di riferimento dal quale prendere spunto durante la lavorazione. Concludiamo segnalando che la parte più impegnativa e difficile da costruire è sicuramente il meccanismo di scatto. Per questo, sarà opportuno montare sulla base in legno una sorta di levetta in ferro.

Una variante più curiosa di questa balestra è rappresentata da una sorta di balestra in miniatura, di certo meno pericolosa, realizzabile anche in casa o in ufficio. Per realizzarla, avremo bisogno di un elastico, degli stuzzicadenti che usiamo per fare gli spiedini o della parte interna di una penna, di quattro pastelli, di un po’ di scotch e del rivestimento di una penna Bic. La struttura della balestra sarà composta naturalmente dai pastelli (o da matite o penne), mentre la funzione dell’elastico è chiara.
In ogni caso, in qualsiasi modo si voglia costruire la balestra, l’importante è stare attenti a non farsi male, e soprattutto ad usarla nella maniera appropriata senza creare pericoli.

come-fare-una-balestra

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>