Come fare il pan di spagna

Il pan di Spagna non può essere considerato un vero e proprio dolce, quanto piuttosto la ricetta base per la preparazione di molti dolci, in particolare torte. L’origine di questa base risale alla metà del XVIII, si conosce anche il nome di chi l’ha inventato, Giobatta Cabona. Il cuoco genovese, al servizio dell’ambasciatore Pallavicino in Spagna, come omaggio alla corte di Ferdinando IV, chiamò il preparato per la sua morbidezza pan di Spagna.
Gli ingredienti per preparare il pan di Spagna sono:
100 grammi di farina di tipo 00
100 grammi di fecola di patate
8 uova
200 grammi di zucchero
un pizzico di sale
opzionale aroma per dolci
Una seconda possibilità è quella di aumentare le dosi di farina, eliminare la fecola di patate e aggiungere una bustina di lievito per dolci.
La preparazione è molto semplice, per una buona riuscita, è molto importante amalgamare per bene uova e zucchero. Più sono frullate a lungo, più il composto sarà amalgamato e avrà dopo la cottura una consistenza fragrante e soffice. Poco alla volta si aggiunge la farina e la fecola, precedentemente mischiate, oppure solo la farina, per seguire la seconda variante. E’ molto importante non formare grumi, per questo è preferibile usare un setaccio. Una volta frullato il tutto, si aggiunge un pizzico di sale e l’aroma per dolci, prezzo intorno ai 2 euro al supermercato. Di solito il gusto che meglio si sposa con il pan di Spagna è la vaniglia, ma nulla vieta di utilizzare quello all’arancia o altre profumazioni.
Esistono due scuole di pensiero a proposito del lievito per dolci, c’è chi lo utilizza e chi no. Molto dipende anche dal tempo che si ha a disposizione per amalgamare gli ingredienti, ci vuole più tempo quando non lo si utilizza. Per una riuscita maggiore ed evitare che non cresca per bene viene aggiunto, in questo caso è l’ultimo ingrediente che va aggiunto al composto, può essere inserito direttamente o stemperato in un po’ di latte tiepido.
Una volta che il composto è pronto va versato in uno stampo per dolci, il bordo deve essere alto almeno 4-5 centimetri. Per evitare che il pan di Spagna si bruci, lo stampo va imburrato e infarinato per bene, non dimenticando soprattutto i bordi. Il tutto va tenuto in un forno ventilato a 180 gradi per 40-45 minuti. Un’accortezza maggiore è quella di riscaldare precedentemente il forno, ma soprattutto bisogna evitare di aprirlo durante la fase di cottura, altrimenti il preparato rischia di non crescere bene. Una volta cotto, bisogna lasciarlo riposare ancora qualche minuto nel forno spento, poi successivamente all’aria fino a quando non si raffredda completamente. Il costo per la preparazione è contenuto, la farina costa intorno ai 3 euro a sacchetto, la fecola di patate anche, lo zucchero e le uova anche meno.
Uno dei vantaggi è la versatilità del prodotto finito, oltre a realizzare delle torte si possono realizzare molti altri dolci, dalle cassate alla zuppa inglese, basta dare sfogo alla propria fantasia. Non ci sono svantaggi.

Come fare il pan di spagna

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>